Un whisky da discount è il migliore del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Una bottiglia di 'Queen Margot Blend', il whisky scozzese che ai supermercati Lidl costa 13,49 sterline, meno di 16 euro, ha vinto il primo premio del World Whiskies Awards, l'Oscar per il miglior whisky del 2019. Lo rivela l'Indipendent, il quale fa sapere che il 'Queen Margot Blend' è stato scelto come miglior whisky dell'anno da 40 esperti internazionali all'evento annuale, che onora “il meglio di tutti gli stili di bevande riconosciuti a livello internazionale”. Gli esperti hanno preferito questo whisky invecchiato di 8 anni e in vendita da Lidl, a marche molto più costose, come Johnnie Walker Black Label, invecchiato di 12 anni, che costa online più del doppio per una bottiglia da 750 millilitri. Imbevuto di albicocca secca e prugna, il 'Queen Margot Blend' risulta al palato “liscio con una ricca dolcezza e profondità di sapore, lasciando un finale caldo e persistente”.

#show_tweet#

L'equazione non esatta

Il sito Marketwacth rileva che il premio assegnato a un whisky da discount è la conferma che una bevanda, per essere buona, non necessariamente deve avere un prezzo alto. Per quanto riguarda i vini, nel 2017, una bottiglia da 6 dollari di St. Andrews Cabernet Sauvignon 2016 venduto in esclusiva nei supermercati australiani Coles ha ottenuto una valutazione unanime eccellente in un test di “assaggio cieco” (cioè senza sapere quale fosse il vino ingerito) al Melbourne International Wine Competition. Ha battuto 1.100 altri vini da più di 10 Paesi in tutto il mondo. E ancora, lo scorso maggio una bottiglia da 8 dollari di vino francese Exquisite Collection Côtes de Provence Rosé, disponibile da Lidl, ha ottenuto una medaglia d'argento all'International Wine Challenge (conosciuta come l'Oscar della vinificazione), che contrappone vini molto costosi con altri a prezzi accessibili.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.