Un numero da record di fulmini si è abbattuto sulla Sardegna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

La Sardegna ottiene oggi un primato sicuramente molto spettacolare, ma di cui forse avrebbe volentieri a meno. È infatti stata definitia la zona più attiva d'Europa per fulmini caduti. I sardi hanno visto illuminarsi questi flash nel cielo per quasi 14mila volte. A renderlo noto è il metereologo di “Sardegna Clima” Dario Secci, che avverte anche del pericolo “downburst“. Un fenomeno questo caratterizzato dalla compresenza di forti correnti discensionali e violenti temporali. Intanto durante la pioggia di elettricità si è sfiorara la tragedia sfiorata nel cagliaritano, un aereo della compagnia spagnola Vueling è stato centro da una saetta mentre era in fase di atterraggio a Elmas. Nessuna conseguenza per i passeggeri, il mezzo poi è atterrato senza problemi. Giornata segnata anche da rovesci particolarmente intensi. Il pluviometro del Centro documentale di Roma dell'esecito italiano ha calcolato che a Cagliari sono caduti 26 millimetri di pioggia in poche ore.

Più nuvole che sole

La situazione non cambierà molto nei prossimi giorni, spiega Lorenzo Badellino di 3bmeteo.com. Le principali isole, l'Appennino e le aree interno del Centro Sud della penisola saranno interessate dai temporali fino al finesettimana, dove si alterneranno piogge e schiarite. Nel dettaglio, sabato sarà tempo brutto in Sardegna, sulle Alpi e sull'Appenino, domenica si avranno temperature più basse ma un clima comunque estivo. Questo peggioramento è causato dall'incunearsi di un flusso atlantico, umido e instabile, nel Mediterraneo togliendo il posto in questo modo all'anticiclone africano. Previsti rovesci sempre nell'isola di Grazie Deledda e lungo la fascia appennica, per domani giovedì 29 agosto il maltempo si trasferirà, parzialmente, nel Sud Italia, colpendo il Nord soltanto nel settore alpino e sulle pedemontane tra Lombardia e Veneto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.