Un naso elettronico contro le armi chimiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Un naso elettronico per scovare gas mortali costruito con un sensore chimico e dei … mattoncini Lego. Sono questi i singolari componenti di uno speciale smartphone progettato per rilevare e identificare armi chimiche, come appunto il gas nervino, costruito dal gruppo dell'università del Texas ad Austin guidato dal chimico Eric Anslyn.  e recentemente descritto sulla rivista scientifica Acs Central Science.

Minaccia globale

“Le armi chimiche sono pericolose minacce per l'umanità. La chiave per salvare vite umane – ha spiegato Anslyn – è rilevarle e neutralizzarle”. Il dispositivo riesce a rilevare le armi chimiche grazie al sensore realizzato da uno dei ricercatori del gruppo, Xiaolong Sun, che quando rileva il gas nervino diventa fluorescente. Il sensore è in grado di individuare anche il tipo di gas nervino e le percentuali presenti, perché l'intensità della fluorescenza dipende dal tipo e dalla quantità del gas rilevato. Poiché diverse categorie di agenti nervini, spiegano i ricercatori, richiedono diverse procedure di decontaminazione e trattamenti diversi per le vittime, queste variazioni di fluorescenza sono fondamentali.

Tuttavia “è difficile vedere le differenze della fluorescenza a occhio nudo”, ha detto Sun, ma la fotocamera di uno smartphone è sufficientemente sensibile per rilevarle. Quindi i ricercatori hanno pensato di utilizzare la fotocamera di un comune smartphone per fotografare il sensore e, grazie a un software, sviluppato dal dottorando Alexander Bulgakov, identificano la natura e la concentrazione della sostanza chimica presente.

E i mattoncini Lego? Sono stati utilizzati per costruire la struttura su cui posizionare i dispositivi. A ognuno il suo pezzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.