Un asteroide gigante che viaggia velocissimo: siamo al sicuro?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33

E’ gigantesco e viaggia a quasi 20 chilometri al secondo. Ma ci sono pericoli per la Terra o possiamo dormire sonni tranquilli?

Nello spazio infinito che circonda il nostro pianeta, sono molti gli oggetti celesti che circolano indisturbati, molti passano nel silenzio più assoluto mentre altri destano un misto di stupore e timore. Complici le dimensioni e le distanze ravvicinate con cui compiono il loro passaggio vicino alla Terra, molte volte, gli asteroidi che vengono avvistati nello spazio ci fanno tremare un po’ le gambe.

Il Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa ha avvistato un asteroide che dovrebbe compiere il suo passaggio “ravvicinato” al nostro pianeta il prossimo 18 gennaio. Il sasso cosmico, chiamato (7482) 1994 PC1 è due volte e mezzo più grande dell’Empire State Building e ha un diametro di circa un chilometro. Dimensioni impressionanti. Ma corriamo dei pericoli?

L’asteroide gigante: a quale distanza passerà dalla Terra?

L’asteroide non è nuovo, gli astronomi già lo conoscevano e sono riusciti a calcolare la sua traiettoria con un margine minimo di errore, pari a soli 133 chilometri. In base alla sigla che lo identifica, l’asteroide è stato scoperto nel 1994 dall’astronomo Robert McNaught del Siding Spring Observatory, in Australia. La sua traiettoria è stata ricostruita a ritroso e, grazie a questo processo, è stato possibile ritrovare immagine del sasso spaziale fino al 1974: questa grande disponibilità di dati ha permesso oggi di definire con un buon margine la sua certezza.

L’ultimo passaggio ravvicinato è avvenuto 89 anni fa, il 17 gennaio 1933, a una distanza di 1,1 milioni di chilometri, simile a quella prevista per il prossimo passaggio del 18 gennaio 2105.Per osservare (7482) 1994 PC1 il prossimo 18 gennaio, dovrebbe bastare un piccolo telescopio amatoriale. 

Ma (7482) 1994 PC1, appartenente alla categoria degli asteroidi di tipo S – caratterizzati prevalentemente da una composizione pietrosa contenente silicati – a quale distanza passerà dal nostro pianeta? Niente paura, secondo gli astronomi non ci sarà nessun pericolo. Infatti, l’asteroide (7482) 1994 PC1 passerà a una distanza di sicurezza di 1,93 milioni di chilometri, oltre cinque volte la distanza che separa la Terra dalla Luna. Quindi niente paura e occhi puntati al cielo e munitevi di un piccolo telescopio, anche se amatoriale: potreste avere un colpo di fortuna e, complici le condizioni meteo favorevoli, potreste riuscire a vedere il passaggio di questo gigantesco asteroide che saluterà il nostro pianeta Terra il 18 gennaio. Ma fate attenzione all’orario: (7482) 1994 PC1 compirà il suo passaggio ravvicinato alla Terra quando in Italia saranno le 22.51. Non sono ammessi ritardatari, l’asteroide non aspetta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.