Sposarsi aiuta a combattere la demenza senile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Il recente rapporto dell'Istat ha evidenziato che in Italia tra il 2015 e il 2016 il numero di matrimoni ha ripreso a crescere sensibilmente, dopo aver conosciuto il picco nel 2014. Lo scorso anno si è di nuovo superata la soglia delle 200mila celebrazioni.

Cifre ancora lontane dagli oltre 300mila matrimoni di inizio anni Novanta. Forse, per almeno provare a raggiungere quelle cifre, può aiutare la diffusione di uno studio dei ricercatori dell'University College London, secondo cui sposarsi rappresenta una assicurazione contro il rischio di contrarre la demenza. Il matrimonio – scrivono i ricercatori sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry' – avrebbe un effetto protettivo per la mente e abbatterebbe il rischio di sviluppare demenza.

Sono stati analizzati i dati provenienti da 800mila persone di varie parti del mondo per esplorare la correlazione tra rischio di demenza e stato civile. L'esito dello studio testimonia che restare da soli per il resto della propria vita potrebbe impennare il rischio di demenza del 42% rispetto alle coppie sposate, così come chi resta vedovo vede aumentare le proprie probabilità del 20%.

Ma a cosa è dovuto questo scudo protettivo per chi è sposato? Secondo Laura Phipps di Alzheimer's Research Uk, “le coppie che convolano a nozze tendono a essere in condizioni finanziarie migliori, un fattore che è strettamente interconnesso con molti aspetti della nostra salute”. Inoltre, i coniugi tendono a spronarsi verso l’adozione di abitudini salutari e forniscono un importante sostegno sociale.

Uno stile di vita sano, infatti, può avere un impatto diretto anche sulla salute mentale: dieta sanaesercizio fisico, cura dei problemi medici come il diabete, può essere determinante per bloccare la demenza. Lo sottolinea Andrew Sommerlad, psichiatra fra gli autori del lavoro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.