Smartphone per sentirsi ‘a casa’, se li perdiamo siamo senzatetto

Uno studio dell'University College London in 9 paesi, tra cui l'Italia, ci mostra come cambia in vari modi la socialità grazie alle nuove tecnologie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:23
studenti

Se ce ne fosse stato bisogno, ora arriva anche uno studio dell’Ucl, University College London, a confermarlo: gli smartphone sono per noi essenziali. Tanto che se perdessimo il nostro telefono, ci sentiremmo dei “senzatetto”.

Un team di 11 antropologi ha trascorso 16 mesi a documentare l’uso dello smartphone in 9 paesi in Africa, Asia, Europa (tra cui l’italia) e Sud America, con particolare attenzione agli anziani. L’analisi è pubblicata su The Global Smartphone: Beyond a youth technology, un nuovo libro coordinato dal professor Daniel Miller.

Lo studio rivela come siamo dei “senzatetto” quando perdiamo i telefonini, perché è lì che esprimiamo sempre più la nostra personalità, i nostri interessi e valori. Li adattiamo alle esigenze e abbiamo ‘barattato’ il tempo trascorso faccia a faccia con la famiglia e gli amici con le ore “a casa” sui nostri smartphone.

L’altra faccia della medaglia

“Il rovescio della medaglia – evidenzia Miller – è che in qualsiasi momento, durante un pasto, un incontro o un’altra attività condivisa, una persona può semplicemente ‘scomparire’, essendo “tornata a casa” sul proprio smartphone. Questo comportamento, e la frustrazione o persino l’offesa che può causare, è ciò che chiamiamo la ‘morte della prossimità‘. Stiamo imparando a convivere con il rischio che anche quando siamo fisicamente insieme, possiamo essere soli socialmente, emotivamente o professionalmente. Allo stesso tempo, lo smartphone ci sta aiutando a creare e ricreare una vasta gamma di comportamenti utili, dal ristabilimento di famiglie allargate alla creazione di nuovi spazi per la sanità e il dibattito politico”. Per l’esperto il ‘peso’ degli smartphone mette in rilievo ancora di più le differenze che derivano dall’esclusione digitale.

Non per tutti allo stesso modo

Lo studio dell’University College London ha reso possibile delineare l’utilizzo dello smartphone in diverse parti del mondo. In Cile e in Italia, ad esempio, i dispositivi consentono ai migranti di “essere” insieme sia alle persone del loro paese d’origine, sia di dove vivono davvero. In Camerun, il cellulare sta aiutando la classe media a creare una nuova sfera pubblica per il dibattito politico. In Irlanda, gli smartphone hanno contribuito a rinvigorire la vita delle persone anziane facendola ruotare attorno a tante attività, visto anche l’innalzarsi dell’età pensionabile. Le osservazioni in Brasile, invece, hanno portato alla creazione di un manuale di 150 pagine di best practice per l’utilizzo di WhatsApp per la salute. Infine, in Cina, molte persone anziane si identificano positivamente con gli smartphone poiché li ritengono una spinta che aiuta il paese a superare altre economie avanzate abbracciando le nuove tecnologie.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.