Sapevi che in casa non c’è aria pulita? Ecco cosa devi assolutamente sapere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Nelle stanze delle nostre case è sempre molto importante ricordarsi di mantenere pulita l’aria in tutti gli ambienti dell’abitazione per motivi di igiene e di salute. 

Questo perché l’aria potrebbe essere viziata oppure per la presenza di qualche odore “forte”. Per esempio al mattino, quando è stato tutto chiuso durante o la notte, o dopo aver passate ore ai fornelli, magari friggendo delle pietanze. Di soluzioni ce ne sono di tutti i tipi, per tutti i gusti e per tutte le tasche. Oggi infatti si trovano sul mercato molti prodotti pensati appositamente per questo scopo.

Ci sono i più moderni de-umidificatori, elettrodomestici la cui funzione è appunta quella di ridurre il tasso di umidità presente nell’aria, sia nella versione portale che in quella che si installa al muro. E certo non sfuggono le molte pubblicità dei profumatori d’ambiente, con tutto un campionario molteplice e variegato di fragranze esotiche, profumi silvestri ed oli essenziali, che permettono di coprire quegli odori meno gradevoli. Un’altra soluzione molto suggerita è quella mettere in una pianta in una stanza: nel suo normale corso di vita, la piantina sanificherà l’aria dell’abitazione.

Dopo aver passato in rassegna un po’ tutte le principali soluzioni per tutti i gusti e per tutte le tasche, è il momento di passare a quelle soluzioni che invece possono essere a portata di mano, senza dover andare in un negozio a scegliere un modello di elettrodomestico o a decidere quale tipo di profumatore d’ambiente è più piacevole o adatto ai gusti personali.

E le soluzioni più immediate e a costo zero sono quelle che un tempo utilizzavano le nostre nonne. Dalle usanze tradizionali possiamo quindi ottenere il massimo del risultato col minimo dello sforzo, economico e di tempo.

Un trucco tradizionale

Se si torna indietro con la memoria, a far salire a galla i ricordi più lontani, si noterebbe come le nostre nonne e le persone di qualche generazione fa, abituate a cavarsela con molto meno e a saper trarre il meglio da quello che aveva a disposizione, con molta inventiva e una certa conoscenza molto pratica del mondo naturale, avessero una risposta a pressoché ogni problema o situazione della vita domestica, e non solo. Molto spesso, questa risposta risiedeva nella natura che ci circonda.

E nel nostro caso, la “soluzione della nonna” era la seguente: le foglie di alloro. Si usava infatti allora mettere sulla superficie del termosifone le bucce degli agrumi, ricche del profumo dei frutti, ma quest’altra era una più che valida alternativa.

In virtù delle sue proprietà, l’alloro – anche se spesso viene spesso dimenticato – non è affatto da meno delle bucce di agrumi e sua volta diffonde nell’aria una fragranza odorosa che rende l’ambiente circostante più gradevole. Il “trucco” sta nel dosaggio del profumo che si vuole ottenere e per questo bisogna tenere conto delle dimensioni del luogo in cui lo si vuole utilizzare per pulire l’aria. Per cominciare, possono bastare due foglie e da lì a salire.

Un’ultima accortezza, per non incorrere in un inconveniente: sincerarsi che tutti apprezzino il profumo dell’alloro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.