Rossano Ferretti: 5 consigli per capelli perfetti a casa

L'hair stylist: « Prepariamoci a dei saloni rivoluzionati»

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

«Sono sempre stato un sostenitore dell’idea di farsi belle da sole e con la chiusura dei negozi e la quarantena imposta dal virus, le donne si sono liberate, loro malgrado,  del tabù della piega. Mi sembra un nuovo manifesto di libertà da capitalizzare per il futuro». Così Rossano Ferretti, ambasciatore mondiale Wella e hair stylist di JLo e Kate Middleton (su suggerimento di mamma Carole) osserva il cambiamento del mondo da Montecarlo, dove ha uno dei suoi saloni sparsi nel mondo, da Miami a New York, da Los Cabos a Dubai.

Come cambieranno i saloni dopo il coronavirus

Dopo l’emergenza ci sarà una vera e propria rivoluzione dei saloni «Tutti aspettano la riapertura dei negozi, ma nulla sarà più come prima – ha dichiarato Ferretti – prepariamoci a saloni rivoluzionati, dove il rito delle chiacchiere e del ritrovo con le amiche sparisce. Del resto io da anni ho improntato i miei saloni a un servizio quasi personale, con spazzole e kimono rigorosamente monouso: la mia ossessione per l’igiene mi ha sempre portato a igienizzare lavatesta e poltrone: domani dovrà essere la regola per tutti».

Nei suoi negozi ha pettinato le donne più belle del mondo e oggi Rossano Ferretti spiega alle donne come farsi belle da sole, a casa propria.

  • Quel è il segreto per lavare bene i capelli?

Come nei nostri saloni, anche a casa il processo inizia dal lavatesta, in questo caso dalla doccia: prima che la donna si bagni i capelli deve usare una spazzola con denti fini e larghi per togliere i nodi e le impurità. L’altro accorgimento è quello di usare acqua tiepida per non stimolare le ghiandole sudorifere.

  • Dove va applicato lo shampoo?

Lo shampoo va applicato prima sulla nuca e poi al centro testa per non stressare i capelli. Le ciocche non vanno né sfregate né strofinate, ma massaggiate. Tra le fasi fondamentali c’è quella del risciacquo, che deve essere abbondante, e una volta ben lavati va applicata una maschera o un conditioner da distribuire con un pettine a denti molto larghi, per evitare che si spezzino».

  • Come avere l’anti crespo naturale?

Il trucco sta nella lentezza dei gesti. Consiglio di lasciare i capelli bagnati avvolti in un asciugamano come fosse un turbante, almeno per 5 minuti, di modo che l’umidità in eccesso venga assorbita. Poi inizia l’asciugatura che va fatta a testa in giù, in modo da volumizzare in modo naturale i capelli: la tecnica giusta è dalle radici alle punte. Tra i segreti anti crespo ci sono a sorpresa le mani. Loro aiutano grazie al grasso naturale che hanno e che si distribuisce in modo uniforme nelle ciocche quando noi passiamo le dita tra i capelli durante l’asciugatura.

 

  • Ferro e piastra? Si, ma con premura

Chi a casa ha strumenti semiprofessionali può utilizzarli, ma stando attento a non stressare il capello. Il Platinum della GHD è uno strumento prezioso, ma va sempre usato su capelli asciutti e solo sulle punte. Finita l’asciugatura consiglio sempre di applicare un siero o un olio, molto utile contro le polveri sottili.

 

  • I rimedi della nonna?

Inutili! In questi giorni mi arrivano tante email o messaggi in cui mi si chiede se si possono usare vecchi metodi, qualcuno è arrivato addirittura a chiedermi se si possono usare curcuma o barbabietola: ecco su questo voglio essere chiaro, se si tratta di passare del tempo divertendosi allora non c’è nessun problema, ma se l’intento è quello di fare qualcosa di davvero utile allora invito a pensare che i tempi delle nostre nonne erano molto diversi dai nostri, non esistevano ad esempio le polveri sottili che danneggiano i nostri capelli e dai quali ci dobbiamo proteggere con prodotti specifici. Possono essere ordinati online e usati anche a casa. Anche a Mumbai le donne nel 1700 si spazzolavano i capelli con l’olio: oggi con quel livello di inquinamento se facessero la stessa cosa i capelli forse li perderebbero.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.