Rimini, a 101 vince la battaglia con il Covid-19

Nelle parole della vicesindaca di Rimini, Gloria Lisi, una storia di speranza: "Ci insegna che neanche a 101 anni il futuro è scritto"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:29

A 101 anni ha vinto la battaglia contro l’infezione da coronavirus e torna a casa. Una storia di speranza che testimonia che da questa malattia si può guarire. A rendere pubblica la notizia è la vice sindaco di Rimini, Gloria Lisi.

Una buona notizia

Ogni giorno, sempre alle ore 18, siamo incollati alla televisione per ascoltare il punto stampa della Protezione Civile che comunica il totale dei contagi, i decessi e il numero delle persone guarita dal virus Covid-19. Nonostante sembra esserci un calo della cura, sono tante le persone che continuano a perdere la vita a causa di questo sconosciuto e invisibile nemico. Ma da Rimini, in Emilia Romagna, arriva una storia di speranza, un raggio di luce in questo periodo buio. Un uomo di 101 anni – di cui non è stata resa nota l’identità – è stato dimesso dall’Ospedale “Infermi” di Rimini ed è tornato nella sua casa.

La storia

“Il signor P., riminese, è nato nel 1919, nel pieno di un’altra tragica pandemia mondiale. 101 anni, il secolo breve vissuto quasi per intero e poi questo primo scorcio del nuovo Millennio – scrive la vicesindaca Lisi -. Ha visto tutto, il signor P. guerre, fame, dolore, progresso, crisi e resurrezioni. Valicata la barriera centenaria il destino gli ha messo davanti questa nuova sfida, invisibile e terribile allo stesso momento. La scorsa settimana è stato ricoverato al nosocomio di Rimini, essendo positivo al test Covid 19. In pochi giorni è diventato ‘la storia’ anche per i medici, gli infermieri, tutto il personale sanitario. Una speranza per il futuro di tutti noi nel corpo di una persona ultracentenaria, quando le cronache tristi di queste settimane raccontano meccanicamente ogni giorno di un virus che si accanisce soprattutto sugli anziani. E ce l’ha fatta. Il signor P. ce l’ha fatta. La famiglia lo ha riportato a casa ieri sera. Ad insegnarci che neanche a 101 anni il futuro è scritto”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.