Padre Pino Puglisi, una vita donata fino alla fine senza paura

Ricorre il 28mo anniversario del martirio del sacerdote palermitano che nel quartiere di Brancaccio si batteva per portare i valori del Vangelo. Ucciso dalla mafia nel giorno del suo compleanno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:33

Ricorre oggi il 28 anniversario dell’uccisione di Padre Pino Puglisi, chiamato affettuosamente 3P, sacerdote, educatore e compagno di migliaia di giovani, parroco di Brancaccio, a Palermo. Fu ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993, nel giorno del suo compleanno. La Chiesa lo ha proclamato il 25 maggio del 2013 beato e martire della fede.

“Se ognuno fa qualcosa, allora si può fare molto”. E’ la consegna di Padre Pino Puglisi. Nessun è escluso dall’opportunità di impegnarsi per una realtà più degna dell’uomo. “Le nostre iniziative e quelle dei volontari – diceva il prete – devono essere un segno per fornire altri modelli, soprattuto ai giovani, e cercare di smuovere le acque. In questa prospettiva ha senso anche premere sulle autorità amministrative perché facciano il loro dovere, tentare di coinvolgere il maggior numero di persone in una protesta per i diritti civili. Noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualcosa”.

Per il suo omicidio sono stati condannati come mandanti i fratelli Graviano e come esecutore Salvatore Grigoli, oggi collaboratore di giustizia, convertito da quel sorriso che gli ha riservato padre Puglisi mentre veniva ucciso.

“Dio ci ama sempre tramite qualcuno”

Lo diceva padre Pino Puglisi, marcando anche una identità esistenziale, vocazionale propria e da consegnare: abbiamo il compito di aiutare tutti a non essere esclusi dal gioco grande, complesso e bello della vita.

Migliaia di bambini, giovani, adulti di Godrano, di Brancaccio, di ogni luogo che ha incrociato, si sono sentiti amati “tramite” e da padre Pino Puglisi.

Era “solo” un sacerdote

Dalla sua parte aveva la bella notizia del Vangelo, la forza buona che deriva dal vivere con passione e autenticità una vocazione che si interseca con le traiettorie degli uomini, ovunque si trovino. Persino quelle dei suoi carnefici ai quali ha donato il sorriso che li ha cambiati. Una storia, quella di padre Pino Puglisi, gioiosa, anche drammatica, piena di relazioni belle. Iniziata molto prima dei tre anni di Brancaccio. Che indica ancora oggi alla sua amata Chiesa la strada per essere più Chiesa. E a ogni uomo la via per vivere con maggiore pienezza. Chi l’ha conosciuto da vicino racconta che per “3P” servire significava “camminare a fianco di Gesù e camminare con ogni persona a partire dal suo vissuto”.

Nonostante i suoi mille impegni, mai avrebbe rinunciato all’insegnamento nella scuola pubblica perché qui “trovi tutti i giovani così come sono”. Educazione era “aiutare a tirare fuori da ciascuno la sua personale ricchezza“. Per lui era prioritaria la persona; più che i contenuti, intendeva far passare la consapevolezza del loro potenziale, la passione per la vita, la responsabilità nei confronti della società e della Chiesa, il loro compito nel mondo, vissuto in uno stile di servizio. Perché tocca “a ognuno di noi realizzare, nel proprio ambito, questo pezzetto di fratellanza, pace e giustizia”.

Questo per 3P significava ‘vocazione‘: “Chiamati a rispondere a Dio che ci invita a collaborare con lui”, quale che sia la strada di ognuno. Aiutare a “tirare fuori” e ascoltare veramente: forse in questo consisteva il suo segreto: ascoltare attentamente colui che chiede di parlare e comprenderlo. E quando a causa della stanchezza, soprattutto dopo che era stato nominato parroco di Brancaccio, era tentato di saltare qualche appuntamento, a chi lo invitava ad assecondare il suo bisogno di rallentare, in modo risoluto, tornando sui suoi passi, diceva: “Sono figli, sono figli miei”.

Dignità e giustizia

Quello che Padre Pino voleva per questi suoi figli era “Rispondere a quella fame più profonda, fame di senso, dignità, affetto, benevolenza, amicizia, lavoro onesto, giustizia, cultura”. Così, a Brancaccio in soli due anni avvia le missioni popolari, la scuola teologica di base, il gruppo biblico, la mostra vocazione itinerante, il Centro Padre nostro.

Tesse una profonda rete di relazioni che, ad esempio, consente, dopo le stragi di mafia, un’ampia risposta della sua gente alla ‘Giornata della vita’, dedicata allo sport nelle strade del quartiere, e poi la partecipazione alla marcia antimafia nel centro città. Il ‘suo’ Dio ama tutti “e – ripeteva – si ostina a non perderci. Si sente impoverito, se anche uno dei suoi figli si allontana da lui e ci viene a cercare”.

La mafia? Al massimo può uccidermi

Questa certezza 3P la sentiva molto e da qui prendeva spunto e sostegno tutto il suo impegno, che non escludeva nessuno, neppure i mafiosi: condannata con nettezza la mafia e la violenza, il sacerdote aveva invitato gli autori e i mandanti delle intimidazioni e delle percosse al dialogo per capire perché si opponessero alle iniziative della parrocchia, perché non volessero che i loro figli crescessero nell’abbraccio accogliente e nella giustizia. Intendeva ricondurre tutti alla casa del Padre. “Al massimo che possono farmi, mi uccidono? E allora?”, era la risposta a chi si preoccupava per lui che in quel contesto aveva chiarezza della sua missione: stare con la gente che a lui era stata affidata con il compito di promuovere la persona secondo lo stile del Vangelo. E adesso che nel suo percorso si frapponeva una forza avversa, per essa l’unico modo di fermare 3P è stato quello di eliminarlo.

Una testimonianza diretta

Enza Maria Mortellaro, una delle giovani cresciuta con lui, in una emozionante testimonianza, ricorda l’ultima volta che ha visto padre Pino Puglisi, due giorni prima che fosse ucciso, quando già le minacce e le violenze erano segnali che facevano presagire il peggio, ma la cui portata aveva nascosto per proteggere chi gli stava attorno: “3P non aveva per nulla fretta di congedarmi, era come se volesse in qualche modo trattenermi. Me lo ricordo ancora, mentre tutti aspettavano, lui era con me alla porta, ha aspettato che salissi sulla macchina, che facessi inversione e, fino a quando non sono scomparsa alla sua vista, era lì a fianco della porta aperta, in piedi, sorridente. Con un gesto della mano mi salutava mentre io mi allontanavo. Ripensando ancora a quel momento, lo vedo ancora senza soprabito, senza borsa, senza fretta di andare a mangiare, e mi tornano alla mente le parole che mi ha consegnato: ‘Povero sono venuto, povero me ne vado'”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.