Olimpiadi 2021: chi ci sarà e chi no

Una panoramica su quali atleti parteciperanno o meno ai giochi Olimpici di Tokyo 2021, inizialmente previsti per il 2020 ma rimandati a causa della pandemia di coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:20

A causa della pandemia da coronavirus, i giochi Olimpici del 2020 sono stati rimandati di un anno, quindi appuntamento per il 2021. Ma quali atleti italiani parteciperanno quali no?

A Malagò l’arduo compito di convincere gli atleti

Come riporta l’Agi, in Italia, il compito di convincere gli atleti sarà affidata al presidente del Coni, Giovanni Malagò. Tra “non proseguirò fino al 2021, vediamo, ci penserò”,  spuntano nomi come Elisa Di Francisca e Aldo Montano, due grandi della scherma e dello sport azzurro. “Ci devo pensare, sarebbe bello fare per un’altra Olimpiade ma sono indecisa, avere un secondo figlio o aspettare i Giochi?”, si chiede la 37enne fiorettista jesina oro a Londra 2012 sia nell’individuale che a squadre (argento individuale a Rio 2016). Un altro “ci penserò” è arrivato da Aldo Montano. Per il 41enne livornese specialista della sciabola quelle di Tokyo potrebbero essere le quinte Olimpiadi magari con annesso ruolo di portabandiera da condividere con Elisa. Altra indecisa è Tania Cagnotto. La 35enne tuffatrice bolzanina potrebbe cullare il sogno verso la quinta Olimpiade, a 21 anni dalla prima (Sydney 2000).  Opera di convincimento sarà affidata anche alla sua compagna di sincro, Francesca Dallapè.

La situazione nell’atletica leggera e in altri sport

Discorso diverso per l’atletica leggera: gli atleti sembrano già mentalmente orientati al 2021. Nella ginnastica artistica ha già dato il suo ok Vanessa Ferrari. Federica Pellegrini e Gregorio Paltrinieri sembrerebbero orientati a partecipare, così come Nibali che ha affermato che arriverà “prontissimo”; Elia Viviani, campione olimpico in carica dell’Omnium, ha informato tutti con un confortante “ci vediamo nel 2021!”. Ha già iniziato il conto alla rovescia Bebe Vio, schermitrice paralimpica. Nel tennis, Roger Federer potrebbe lasciare e Fabio Fognini potrebbe fare altrettanto.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.