Oggi è la giornata nazionale dei gatti: ecco quanti sono in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08

Come ogni anno, il 17 febbraio, si celebra la giornata nazionale del gatto. Questo animale, di indole indipendente, è associato a cliché che dal passato lo accompagnano ancora oggi. “Accusato” – se il suo manto è di colore nero – di essere portatore di sventura, il gatto in passato era considerato l'animale delle streghe. La festa, nata nel 1990, cade proprio nel mese di febbraio perché, secondo una vecchia tradizione, era “il mese dei gatti e delle streghe, e il giorno 17 perché comunemente associato alla sfortuna. 

La popolarità sui social

Diciamo la verità! Chi non si è mai fermato a guardare un video su Youtube o ha postato e condiviso una foto che ritrae un tenero gattino. I felini sono, probabilmente, gli animali più popolari sul web con video da milioni di visualizzazioni dove vengono ripresi in mirabolanti salti o in buffe situazioni. Anche il poeta Francesco Petrarca, si pensa fosse un grande amante di questi animali. A lui viene attribuito l'aforisma: “L'umanità si può suddividere in due categorie: coloro che amano i gatti e coloro che vengono puniti dalla vita”. 

I gatti in Italia

Ma quanti sono i gatti in Italia? In base a quanto riportato dall'Ansa, sono 7,5 milioni. Secondo una ricerca del 2019 condotta dal Censis, gli italiani sono i primi in Europa per numero di animali domestici: sono presenti nel 52% delle case. Con 53,1 animali da compagnia ogni 100 abitanti, l'Italia si colloca al secondo posto in Europa. Meno dell'Ungheria (54,2 ogni 100 persone), ma più di Francia (49,1), Germania (45,4), Spagna (37,7) e Regno Unito (34,6). In Italia gli animali domestici sono in tutto 32 milioni e i gatti in questa classifica non sfigurano e prendono la medaglia d'argento: ci sono 12,9 milioni di uccelli, 7,5 milioni di gatti, 7 milioni di cani, 1,8 milioni di piccoli mammiferi (criceti e conigli), 1,6 milioni di pesci, 1,3 milioni di rettili. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.