Una nuova missione spaziale “privata” verso Giove

Con l'obiettivo di fare divulgazione scientifica, si esplorerà il pianeta a distanza ravvicinata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27
sonda spaziale verso Giove

L’agenzia spaziale americana – più comunemente chiamata N.A.S.A. acronimo di National Aeronautics and Space Administration – pochi giorni fa ha fissato per il mese di ottobre dell’anno 2024 la partenza di una missione verso “Europa”, la luna di Giove, a mezzo del lanciatore privato denominato Falcon Heavy facente parte della flotta dell’azienda Space Exploration Technologies Corporation di proprietà dell’imprenditore Elon Reeve Musk. Obiettivo quello dell’abbattimento dei costi per l’accesso allo spazio.

La sopracitata missione vedrà il lanciatore effettuare un passaggio ravvicinato nei pressi di Marte ed uno attorno alla Terra, per poi dirigersi verso Giove ed Europa con un totale di oltre 40 sorvoli sulla stessa ad una distanza di 25 km. Verrà così fotografata la superficie di Giove ad alta risoluzione, ciò consentirà di analizzare nel dettaglio la composizione del sopracitato pianeta, permettendo così ulteriori e proficui studi in materia.

La missione in oggetto avrà una durata di circa cinque anni e mezzo, si chiamerà Europa Clipper e proseguirà gli studi della sonda Galileo lanciata il 18 maggio 1989. Questa trascorse 8 anni di servizio nel sistema di Giove ed in particolare sulla sua luna Europa permise di conoscere la composizione della stessa, scoprendo che sotto la superficie ghiacciata cela un oceano di acqua liquida nascosta sotto uno spesso strato di ghiaccio.

Infine, alla luce di quanto precedentemente esemplificato, è auspicabile che la missione che prenderà vita nel 2024 possa continuare la giovevole opera di divulgazione scientifica precedentemente posta in essere dalla sonda Galileo.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.