Che cosa sta succedendo a New York?

La città che non dorme mai ha spento le sue luci e tra negozi e hotel chiusi dilagano le gang

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:31

Gangs of New York rischia di non essere solo il titolo di un film o il ricordo della Grande mela del passato: nelle ultime quattro settimane è cresciuta come non mai la criminalità, sono crollati gli affitti e la città che non dorme mai si sta lentamente spegnendo. Non è facile sopravvivere alla crisi economica innescata dalla pandemia neanche per gli Stati Uniti d’America, neanche per New York, e così la città che abbiamo imparato a conoscere grazie a migliaia di film lì ambientati rischia di tramontare diventando simbolo globale di un periodo straordinariamente difficile.

Tutti i dati su rapine e sparatorie

Secondo i dati del dipartimento di polizia, nel periodo di quattro settimane che si è concluso domenica scorsa sono stati registrati 55 omicidi, con una crescita del 49% rispetto ai 37 dello stesso periodo del 2019; ci sono state 222 sparatorie, più del doppio delle 90 dell’anno precedente, con un aumento del 166%. 

Per chi sognava una casa a Manhattan

Sempre ad agosto è crollato il mercato degli affitti: il numero degli appartamenti vuoti è salito a 15.000, il triplo dello stesso periodo dello scorso anno. Secondo un rapporto di Douglas Elliman e Miller Samuel, il numero delle case sfitte è ai livelli più alti mai registrati da quanto è iniziata la raccolta dei dati 14 anni fa. Prima della pandemia, affittare una casa a New York era una realtà destinata a pochi, ci si accontentava di monolocali striminziti pur di abitare a Manhattan, magari nell’upper east. I meno fortunati si spostavano nelle zone confinanti fino ad arrivare – ad esempio – nel New Jersey.

Il degrado tra le strade della grande mela

I negozi abbassano la saracinesca persino nella quinta strada, la più famosa al mondo per lo shopping di lusso. Gli hotel chiusi per mancanza di turisti. Un paesaggio desolato per una città che tutti noi siamo abituati a pensare sempre in festa, sveglia 24 ore su 24. Questa situazione favorisce il dilagare della criminalità e del degrado: sempre più senzatetto, tossici, spacciatori i e scene da far west. Uno scenario che riporta alla mente il dramma degli anni Ottanta, dove attraversare Central park era un’impresa troppo pericolosa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.