Milano, nasce in taxi la notte di Pasquetta

Arrivati davanti a clinica non c'era più tempo. Medici e infermieri intervenuti sul posto, il bimbo sta bene.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:54

Una bella storia che tocca il cuore, quella accaduta nella notte tra Pasqua e Pasquetta a Milano. Un bambino infatti è venuto alla luce in un taxi di fronte alla clinica Mangiagalli. “Parlare del miracolo della vita che si ripete, specialmente in questi giorni, può sembrare eccessivo ma è quello che è realmente successo questa mattina o, meglio, questa notte appena trascorsa, tra le 2:30 e le 2:40″ dice Stefano Salzani, responsabile commerciale di Taxiblu 02.4040. “Uno dei nostri operatori ha risposto ad una chiamata proveniente dal quartiere Ortica di Milano dove ha preso la corsa di una coppia, marito e moglie incinta diretti verso l’ospedale Macedonio Melloni. I tempi per arrivare sono stati brevissimi dato anche l’orario e il fatto che ovviamente in questi giorni non c’è in giro nessuno se non le Forze dell’Ordine e i tanti tassisti appunto in attesa di una chiamata”. Una volta arrivati davanti all’ ospedale però “per la donna era arrivato evidentemente il momento di partorire ed essendo impossibilitata a quel punto dal muoversi dal Taxi sono accorsi i medici e gli infermieri dell’ospedale che in sicurezza le hanno permesso di mettere alla luce questa nuova vita all’ interno del Taxi stesso”.

Il tassista che ha assistito al parto questa mattina è passato in ospedale per accertarsi delle condizioni della donna e del bambino, un bel maschietto, che sta bene. “Una bella storia di nascita e di vita, che nel periodo difficile che tutti viviamo da più di un anno a questa parte – conclude Salzani – credo faccia bene al cuore e al morale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.