Messico: una nuova specie di balene?

Una nuova specie di balene è stata individuata al largo delle coste occidentali del Messico da parte di scienziati della ONG Sea Shepherd

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:19

Quella che sembra plausibilmente essere una nuova specie di balene è stata individuata al largo delle coste messicane occidentali. La ONG Sea Shepherd ha annunciato la notizia sul suo sito e su YouTube con un video. Infatti, in un’operazione di ricerca un team di scienziati della ONG ha filmato questa specie mai vista né descritta prima, e ha registrato il suo canto.

L’operazione di ricerca sul canto delle balene non identificato

L’operazione di ricerca, condotta dalla nave Martin Sheen, si chiama Divina Guadalupe. Il team è composto da Gustavo Cárdenas Hinojosa del CONANP (la commissione messicana che si occupa di aree protette) e da Jay Barlow ed Elizabeth Henderson del Naval Warfare Information Center americano.

Lo scopo è studiare le acque intorno alle isole di San Benito ma soprattutto i cetacei che ci abitano. Si tratta di un gruppo di tre isolette al largo della Baja California, sulla costa occidentale del Messico. In particolare, in zona sono stati registrati canti di balene non associabili a specie note. Questo ha spinto gli scienziati a effettuare nuove registrazioni acustiche e filmati, e le successive analisi del materiale ottenuto hanno persuaso gli scienziati di avere a che fare con una nuova specie animale.

Il canto delle balene mai udito prima

Nello specifico, gli animali individuati nelle registrazioni appartengono al gruppo degli zifidi che sono cetacei odontoceti. Per dirla in altre parole, assomigliano ai delfini, alle orche e ai capodogli (noti come “balene con i denti”) più che ai misticeti (le “classiche” balene associate a questo nome dal senso comune).

Le specie degli zifidi si distinguono tra di loro per il canto, il quale è come se fosse un “dialetto”. Quello di questa possibile nuova specie non si era mai sentito. Si è pensato subito che potesse appartenere al mesoplodonte di Perrin, che vive in quelle acque. E’ una specie degli zifidi molto rara e misteriosa, di cui finora non è stato osservato nessun esemplare vivo ma solo qualche cadavere spiaggiato. Questa ipotesi, però, è stata smentita dopo aver analizzato il canto e il loro aspetto.

Sono stati prelevati dei campioni biologici dall’acqua intorno agli animali per condurre delle prime analisi genetiche. Ai ricercatori non rimane che aspettare i risultati per avere una conferma o una smentita dell’identità tassonomica di questi animali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.