Lavoro e turni, ecco quali sono i rischi sulla vita quotidiana

Secondo uno studio effettuato dall'università spagnola di Murcia, gli effetti sulla salute di questa tipologia di lavoro sarebbero molteplici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

Sulla base di una rilevazione effettuata dall’Istituto nazionale spagnolo di statistica per l’anno 2021, in riguardo ai tre milioni e mezzo di lavoratori impiegati su turni e circa due milioni lavorano occasionalmente di notte, è emerso che, il lavoro su turnazione, in particolare quello notturno, provoca effetti negativi sulla salute, tra cui l’alterazione dei ritmi biologici.

Gli studi in merito

In particolare, secondo gli studi effettuati dal laboratorio di Cronobiologia dell’Università di Murcia, gli effetti del lavoro a turnazione sulla salute, ma soprattutto di quello notturno, sono paragonabili a quelli del tabacco perché, il rilascio di mediatori infiammatori è compromesso e decrementa l’attività del sistema neurovegetativo. Una conseguenza sul piano metabolico che può portare a prediabete, livelli più alti di trigliceridi, ipertensione nonché un incremento del rischio di infarto del miocardio e ictus. In altre parole, si accentua la possibilità un’ampia varietà di patologie molto rilevanti.

Le conclusioni

Le conclusioni di questo studio, effettuate dal dottor Juan Antonio Madrid, direttore del laboratorio di Cronobiologia dell’Università di Murcia, ci dicono che è quasi impossibile adattarsi al lavoro notturno perché, gli orologi biologici sono preparati per anticipare, e preparare il corpo a tutti gli eventi regolari e prevedibili. Conseguentemente, le abitudini caotiche e l’esposizione a orari di lavoro su turni, causano problemi anche quando i lavoratori tornano ad un orario di servizio normale.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.