La sesta estinzione di massa è alle porte: inizierà nel 2100

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:48

Il genere umano potrebbe essere a un passo dalla sesta estinzione di massa. Lo rivela un modello elaborato da matematici e geologi coordinati da Daniel Rothman del Massachusetts Institute of Technology (Mit) pubblicato sulla rivista Science Advances.

Livello di carbonio sopra i limiti massimi

Lo studio ha preso in considerazione l'aumento delle concentrazioni di carbonio nell'atmosfera e negli oceani avvenuti negli ultimi 540 milioni di anni. Si è visto, infatti, che le cinque estinzioni di massa avvenute sulla Terra sono sempre state legate all’aumento delle concentrazioni di questo elemento necessario alla vita.

Secondo il modello elaborato dal Mit, nel 2100 – anno nel quale a causa delle attività umane potrebbe essere aggiunta negli oceani una quantità di carbonio tra i 300 ed i 500 miliardi di tonnellate – i livelli di concentrazione supereranno il limite che l’ambiente potrà sopportare, dando così inizio alla sesta estinzione di massa, un disastro ecologico “universale” che andrebbe a consumarsi nel corso dei successivi 10mila anni, partendo dall'estinzione delle specie marine (pesci, alghe, molluschi, plancton etc..) per poi continuare con gli animali e i vegetali terrestri.

Scomparso l'80% degli esseri viventi

E' bene ricordare che, durante la peggiore delle estinzioni (altresì detta “transizione biotica”), vale a dire quella avvenuta nel Permiano 251 milioni di anni fa, scomparirono dalla faccia della Terra l'81% delle specie marine e il 70% dei vertebrati terrestri.

Non andò molto meglio 65 milioni di anni fa, durante la quinta, nel Cretaceo-Paleocene: a causa del disastroso impatto di un grande meteorite sulla superficie terrestre, oltre a tutti i dinosauri, si estinsero il 75% di tutte le altre specie viventi. Quella transizione inaugurò l'era dei mammiferi. Speriamo che al termine della sesta, il Sapiens sia ancora in vita per raccontarla.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.