Incredibile: ecco cosa è stato scoperto nelle prime immagini di Venere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

Venere come non è stata mai vista. Leggi come gli scienziati siano riusciti a produrre immagini mai viste prima del pianeta “velato”

La superficie di Venere, secondo pianeta del sistema solare, è sempre stata un mistero per gli astronomi. Questo perché è perennemente ricoperta da un fitto strato di nubi e polveri che ne oscuravano la visione anche ai telescopi più potenti. Un pianeta rimasto “velato” fino a ieri. La Nasa infatti ha pubblicato nelle scorse ore – casualmente poco prima di San Valentino – delle immagini sorprendentemente nitide del pianeta dedicato alla dea dell’amore.

Lo strato spesso di nubi che velano la superficie di Venere è stato infatti rimosso grazie alla sonda solare Parker della NASA. E le immagini mostrano un Pianeta sorprendente con caratteristiche che non sono mai state viste prima nello spettro visibile della luce. Un’impresa – spiega la Nasa – raggiunta solo attraverso una serie di sorvoli furtivi del lato notturno del pianeta.

Cosa svelano le prime immagini di Venere

In un articolo pubblicato mercoledì sulla rivista Geophysical Physical Letters, gli scienziati della NASA e altri colleghi impegnati nella missione Parker Solar Probe spiegano come siano riusciti a catturare scorci di Venere senza precedenti e cosa rivelano questi sguardi rubati.

“Venere è il terzo oggetto più luminoso del cielo, ma fino a poco tempo fa non abbiamo avuto molte informazioni sull’aspetto della superficie perché la nostra visione era bloccata da un’atmosfera densa”, spiega Brian Wood, l’autore principale del nuovo studio e fisico presso il Naval Research Laboratory di Washington, DC.

“Ora, finalmente stiamo vedendo la superficie in lunghezze d’onda visibili per la prima volta dallo spazio”. La superficie di Venere è stata fotografata in precedenza, ma in lunghezze d’onda della luce diverse da quelle che l’occhio umano può vedere. Tipicamente, Venere appare alla luce visibile come una perla, misteriosamente priva di lineamenti e completamente opaca. La mancanza di dettagli significativi su ciò che si nasconde sulla superficie del pianeta ha a che fare con le dense nubi di acido solforico e l’atmosfera ricca di anidride carbonica che ricoprono il pianeta in una foschia tossica.

Solo una piccola luce rossa riesce a sfuggire a queste nuvole, ma in genere viene persa perché la luce del sole rimbalza sulle spesse nuvole veneziane, affogando la luce rossa nel “rumore”.

Di notte, Venere è ancora così calda che si irradia un debole bagliore, ma nessun Sole con cui questa luce rossa può competere. “La temperatura sulla superficie di Venere, anche sul lato notturno, è di circa 860 gradi”, afferma Wood nella dichiarazione. “Fa così caldo che la superficie rocciosa di Venere è visibilmente luminosa, come un pezzo di ferro estratto da una fucina”.

Osservando il pianeta durante la sua notte, la sonda solare Parker è però stata in grado di vedere più dettagli della superficie di Venere nello spettro visibile dallo spazio di quanto qualsiasi missione avesse mai ottenuto prima.

Le straordinarie osservazioni rivelano un pianeta segnato da continenti, distese pianeggianti e altipiani estesi. Nello specifico, le immagini rivelano una topografia diversificata: altopiani e pianure, masse continentali e caratteristiche geografiche più curiose pronte per l’esplorazione. Incredibilmente, gli scienziati riportano anche emissioni simili a una meraviglia terrestre: l’aurora!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.