Il pettegolezzo? Ecco quanto tempo gli dedichiamo al giorno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Donne anziane che confabulano nelle piazze di piccoli paesini, rappresentanti del gentil sesso che si raccontano le ultime discrezioni mentre si dedicano alla cura dei loro capelli nei saloni di bellezza. Sono queste due delle scene che, generalmente, vengono associate ai luoghi in cui veicolano i pettegolezzi. ma secondo uno studio, il primo del suo genere, condotto dall'Università della California di Riverside e pubblicato sulla rivista Social Psychological and Personality Science, la relatà non sarebbe proprio questa. 

Non solo le donne… 

Infatti, secondo la ricerca il pettegolezzo non sarebbe insito solo nel Dna del genere femminile, ma piacerebbe a tutti, indipendentemente dal sesso e dall'età. Nel dettaglio, i ricercatori hanno visto che le donne non spettegolano più degli uomini, che le persone meno ricche non lo fanno più di chi è abbiente e che i giovani lo fanno più dei vecchi. Affermazione quest'ultima che potrebbe, in qualche modo, “riabilitare la reputazione” delle migliaia di nonne che, magari sedute all'ombra di una pianta nelle piazze dei paesi, sono state additate come pettegole. 

La ricerca

Nello studio è stato classificato come gossip il parlare di qualcuno che non è presente, il che può essere fatto in modo positivo, negativo o neutro. Allo studio hanno partecipato 467 volontari, di cui 269 donne e 198 uomini, tra i 18 e 58 anni, che dovevano indossare un apparecchio portatile di ascolto, che registrava il 10% delle loro conversazioni nell'arco della giornata. In questo modo hanno rilevato 4000 esempi di gossip, cioè conversazioni su persone assenti, classificandole a seconda dell'argomento, della familiarità o celebrità, e del sesso della persona con cui si parlava.

I risultati

In seguito a questa indagine, i ricercatori hanno rilevato 4000 esempi di gossip, cioè conversazioni su persone assenti, classificandole a seconda dell'argomento, della familiarità o celebrità, e del sesso della persona con cui si parlava. E' così emerso che circa il 14% delle conversazioni erano dedicate al gossip o quasi un'ora nell'arco di 16 ore, che i giovani parlano male di qualcuno più degli anziani, e che quasi i 3/4 del gossip era neutro, mentre i pettegolezzi negativi erano il doppio di quelli positivi

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.