Homo Bodoensins, un nuovo antenato dell’uomo moderno

Questa specie deriva da un teschio ritrovato nella località etiope di Bodo D'ar e potrebbe descrivere in maniera più accurata il Pleistocene

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00
Resti dell'homo heidelbergensis (foto HENDRIK SCHMIDT / DPA / AFP)

Gli scienziati dell’Università di Winnipeg, dell’Istituto di Paleoantropologia e Paleontologia dei Vertebrati di Pechino e dell’Università di Belgrado hanno scoperto una nuova specie di Homo – definita Homo bodoensis – vissuta in Africa durante il Pleistocene medio, circa mezzo milione di anni fa, e potrebbe essere l’antenato diretto dell’uomo moderno.

L’importanza di questo studio

Lo studio in oggetto, pubblicato sulla rivista Evolutionary Anthropology Issues News and Reviews, potrebbe rendere più chiaro un periodo storico poco compreso dell’evoluzione umana, caratterizzato da una sostanziale mancanza di terminologia adeguata a riconoscere la variazione geografica.

L’esame dei fossili rinvenuti

A tal proposito, è utile evidenziare che, grazie a questa scoperta, il gruppo di ricercatori al cui vertice vi è Mirjana Roksandic, ha esaminato fossili rinvenuti in Africa ed Eurasia precedentemente riferibili alla varietà Homo rhodesiensis o ad Homo heidelbergensis. Infine, secondo questo studio, questa nuova specie potrebbe descrivere la maggior parte degli esseri umani del Pleistocene medio dall’Africa e alcuni dall’Europa sud-orientale, dove si contano maggiormente Neanderthal.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.