Guarda il faccia a faccia tra il campione di sub e la mega tartaruga marina

"Di gran lunga la tartaruga più grande che abbia mai visto", ha commentato la bella esperienza il pluricampione di apnea, Michele Giurgola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:23

I nostri mari sono ancora pieni di vita e di…maxi tartarughe marine! Lo dimostrano i tanti avvistamenti nello Ionio così come nell’Adriatico che – nonostante il pesante sfruttamento umano – riservano ancora bellissime sorprese. Come quella riportata di un recente video nel quale si vede l’incontro a sorpresa con una gigantesca tartaruga caretta caretta. Un vero incontro ravvicinato con questa testuggine la cui specie è diffusa in molti mari del mondo ma è fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo ed è ormai al limite dell’estinzione nelle acque territoriali italiane.

Il campione di apnea e la tartaruga

Il fortunato testimone è niente meno che il pluricampione del mondo di apnea, Michele Giurgola. Il sub nuotava al largo delle coste di Santa Maria Di Leuca nel Salento meridionale – quando si è trovato faccia a faccia con un’enorme tartaruga marina. La testuggine che era posata sul fondale a 25 metri di profondità e – incuriosita ma non spaventata – si è fatta accarezzare dolcemente la testa dall’apneista. “Di gran lunga la tartaruga più grande che abbia mai visto – ha commentato Giurgola -. Credo sia più lunga di un metro e mezzo. Decisamente più grande di me. Ricordo solo che la sua testa era più grande di un pallone da calcio. Era molto docile e la mia presenza l’ha lasciata impassibile”. Quelle del video girato dal campione di apnea sono assai rare per i mari nostrani, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” che c’inducono a pensare che poco oltre le rive delle nostre coste nuotino ancora indisturbati animali da rispettare e preservare. Specie le tartarughe marine, che rischiano nel Mediterraneo l’estinzione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.