Gli italiani preferiscono le zuppe

Fresce o surgelate sono un'alternativa sana a chi ha poco tempo per mangiare e vuole restare leggero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

Un buon compromesso tra cibo salutare e veloce è la zuppa o il minestrone già pronto e gli italiani sembrano averlo scoperto! Buona la pasta, buona la pizza, ma quando si tratta della quotidianità bisogna pensare per forza a qualcosa di nutriente, ma che non appesantisca.

Cibo fresco o surgelato, purché sia sano

Tendenza in rialzo in Italia per le zuppe, sia nella versione fresca, sia surgelata, versione quest’ultima – sostengono gli esperti- “ideale per chi ha poco tempo a disposizione per cucinare un prodotto buono e nutrizionalmente completo”. E’ quanto emerge dai dati dell’Istituto italiano alimenti surgelati (Iias). 

Dal rapporto annuale dell’istituto emerge che nel 2019 “gli italiani hanno molto gradito zuppe e minestroni inversione frozen consumandone ben 67.400 tonnellate (+0,2%rispetto al 2018)”. 

La classifica delle zuppe più buone

I più consumati della categoria merceologica – spiega una nota – sono stati passati e zuppe classiche, che hanno segnato un +2,6% rispetto al 2018 (16.300 tonnellate quelle consumate in totale). Tra le ricette più amateci sono al primo posto i passati, nella versione vegetale, la zuppa tradizionale, quella con orzo e legumi, quella con i cereali, quella leggera di verdure, quella di funghi porcini e castagne, quella con lenticchie e ceci. 

Gli italiani come gli americani?

Il trend – viene segnalato – allinea l’Italia alla abitudini dei consumatori americani, che secondo una ricerca della United States Soup Industry mangiano oltre 10 milioni di zuppe e hanno dedicato anche una giornata nazionale, il National Soup Day che ricorre il 4 febbraio. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.