Gambero Rosso, premiato il miglior pane dell’anno

Nel corso della manifestazione enogastronomica "Pani&Panettieri d'Italia 2022" è stato premiato il miglior pane dell'anno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:33

Il Gambero Rosso ha presentato in data odierna a Roma la terza edizione della pubblicazione enogastronomica denominata Pane&Panettieri d’Italia 2022 nella quale sono stati premiati 50 panifici con la massima valutazione prevista, ovvero con il simbolo dei “Tre Pani”.

La classifica e i panifici premiati

Nella classifica delle Regioni premiate la Lombardia è in testa con 8 panifici premiati, seguono il Veneto, il Piemonte, l’Emilia – Romagna e il Lazio con 6, la Sicilia con 4, la Puglia con 3, Campania e Toscana con 2, Sardegna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta e Basilicata con 1. Nel corso di tale manifestazione sono stati premiati alcuni singoli panifici per diverse e pregevoli produzioni: il titolo di pane dell’anno è stato conferito al pane al cioccolato fondente di Pezz de Pane di Frosinone, il premio denominato Pane e Territorio è stato conferito a Tundu di Oliena in provincia di Nuoro ed il titolo di panettiere emergente è stato conferito a Stefano Priolo del Panificio casa Priolo di Bojano, in provincia di Campobasso.

Promuovere l’eccellenza agroalimentare

L’obiettivo che questa manifestazione si è posta è quello di promuovere i panettieri che, con grande maestria, pongono l’accento sulle produzioni agroalimentari italiane di eccellenza sia a livello nazionale che internazionale. In particolare, le pubblicazioni di Gambero Rosso, intendono essere un costante supporto ai maestri che con impegno, dedizione ed attenzione alla materia prima trasformano le produzioni di qualità in prodotti unici al mondo e sinonimo del significato del Made in Italy che, grazie all’apporto sempre maggiore dei giovani, fa acquisire nuova linfa all’arte della panificazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.