A Firenze arriva ‘L’abito sospeso’, un aiuto per mamme in difficoltà

Come il "caffè sospeso" di Napoli, l'iniziativa permette di acquistare abbigliamento per i bimbi e donarlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11

Comprare un capo d’abbigliamento per bambini e donarlo a chi non può permetterselo. A Firenze nasce ‘L’abito sospeso‘, iniziativa dell’impresa sociale Flo Concept che prende spunto dall’antica tradizione partenopea del ‘caffè sospeso’: un gesto di solidarietà a beneficio di uno sconosciuto. Al posto del caffè, stavolta c’è un abito o un accessorio per bambini. “I clienti che vengono nel nostro negozio di Lungarno Corsini 30/34r – spiega Elisabetta Renzoni, presidente dell’impresa sociale Flo Concept – possono acquistare, attraverso un catalogo, un articolo della nostra collezione ‘del Cuore’ dedicata ai più piccoli. L’acquisto avviene sotto forma di donazione, a prezzo di costo. Il capo viene poi realizzato nel nostro laboratorio di sartoria e donato ad Acisjf Firenze, associazione che da oltre un secolo sostiene le categorie fragili della città, in particolare giovani madri. Abbiamo scelto l’associazione Acisjf Firenze insieme all’assessore al welfare del Comune di Firenze, Sara Funaro, che ha accolto con entusiasmo l’iniziativa”.

“L’impresa sociale Flo Concept scende in campo al fianco dei bambini e tende la mano alle madri in difficoltà dell’associazione Acisjf Firenze, confermandosi una realtà con un grande cuore solidale – dice l’assessore Funaro -. Spero che questa iniziativa abbia un ampio riscontro e che siano numerose le donazioni a favore di Acisjf, che ogni giorno svolge un prezioso aiuto di assistenza e accoglienza di donne fragili con figli“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.