Fao: come combattere lo spreco alimentare con una maratona digitale

Da Fao, Commissione Ue, Future food institute e Fondazione Fico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07
Fao

Una maratona virtuale per riflettere a livello globale sul tema dello spreco di cibo e dell’impatto che esso ha sui nostri ecosistemi. E’ Zero Waste Global Convivium, evento lanciato il 29 settembre. Sarà in occasione della prima Giornata internazionale della Consapevolezza sugli Sprechi e le Perdite Alimentari, dalla Rappresentanza della Commissione Europea in Italia. Insieme a FAO E-learning Academy, Future Food Institute, Campagna Spreco Zero e Fondazione FICO.

L’iniziativa della Fao

La manifestazione, che si terrà in formato digitale sui canali di Future Food Institute dalle 8 alle 16.00. Passerà poi il testimone all’iniziativa “Inaugural International Day of Awareness of Food Loss and Waste” della FAO, sarà un’importante occasione di sensibilizzazione verso un problema cruciale e connesso con alcune delle sfide più rilevanti da affrontare per il futuro del Pianeta.

Gli sprechi alimentare

Basti pensare che all’anno vengono prodotti 1,3 miliardi di tonnellate di perdite e sprechi alimentari, che fanno ottenere a loro volta 4,4 miliardi di tonnellate di CO2 emessa nell’atmosfera e un consumo di acqua pari a 170 miliardi di metri cubi, mentre allo stesso tempo 820 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di denutrizione.

Un viaggio virtuale tra le cucine del mondo

Nel corso della maratona si viaggerà virtualmente tra laboratori, cucine, case e sedi istituzionali di tutto il mondo, seguendo un approccio multidisciplinare e multiculturale. Saranno infatti connessi ricercatori, chef, innovatori e figure istituzionali da 3 diversi continenti che parleranno delle problematiche correlate agli sprechi e delle azioni collettive e cooperative da stimolare a livello internazionale per rispondere al quadro comune dell’Agenda 2030 ONU per lo Sviluppo Sostenibile.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.