Ecco Yama, il primio esemplare di sciacallo dorato “italiano”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

E'stato catturato in natura un individuo di sciacallo dorato (Canis aureus). E' la prima volta che questo accade in Italia in ambiente naturale. Lo sciacallo dorato – che nonostante il nome è molto simile a un lupo grigio di taglia ridotta, ma più snello, con un muso più stretto, una coda più corta e un passo più leggero – è un canide lupino di medie dimensioni diffuso Asia Minore, Medio Oriente e Asia sud-orientale. In Europa è presente nella parte sud-orientale e centrale del Continente. Dai Balcani, lo sciacallo dorato ha colonizzato spontaneamente il territorio della regione Friuli Venezia Giulia a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta.

Yama

Come ricorda una nota dell'Ateneo friulano, finora “Yama” – così ribattezzato dal nome dei due operatori che hanno contribuito al suo monitoraggio nelle fasi di pre e post cattura – è il secondo sciacallo dorato scoperto catturato e munito di radiocollare in Italia dopo Alberto, un esemplare trovato ferito a Osoppo (Ud), in seguito a un investimento stradale e rimesso in libertà lo scorso aprile dopo essere stato curato. Yama è stato catturato nella mattinata del 14 agosto scorso, nel territorio della Riserva Naturale Regionale dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa (Gorizia), nell'ambito del programma di monitoraggio del progetto Europeo Interreg Italia-Slovenia Nat2Care. L'operazione è stata condotta dal personale del Dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali (Di4A) dell'Università di Udine. Pesa 14 chili e la sua dieta è prevalentemente composta da micro mammiferi (piccoli roditori), lepri e da carcasse di animali morti”, spiega Stefano Filacorda, ricercatore e coordinatore degli studi sulla fauna selvatica dell'Università di Udine, su Ansa. L'animale, dopo lo studio, è statodotato di radiocollare e rimesso in libertà. Oltre alla predisposizione del radiocollare, aggiunge, l'esemplare “è stato sottoposto a prelievi di sangue, feci e pelo utili alla raccolta di informazioni sullo stato sanitario del soggetto e della popolazione, e alla valutazione dei livelli di cortisolo, un ormone legato ai fattori di stress”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.