Ecco dov'è l'albero più antico del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00
Dottrina

Grazie alle nuove tecnologie di analisi, gli studiosi Ed Schulman e Tom Harlan hanno scoperto una pianta antichissima, forse la più antica ad oggi esistente. Esisteva già quando sono state costruite le piramidi in Egitto, migliaia di anni fa.

Dove si trova

Non è stato individuato il luogo esatto in cui si trova l'arbusto, è stato comunicato soltanto che è nello Stato della California, nella zona delle White Mountains, dove le vette raggiungono anche i tremila metri di altezza. Non sono state divulgate nemmeno delle foto. Il riserbo sarebbe dovuto alla necessità di tutelare l'esemplare, evitando che qualcuno, volontariamente o meno, possa arrecarne danni.

La pianta, della famiglia dei pini, avrebbe circa 5067 anni di vita. Ha potuto sopravvivere così a lungo dal momento che si trova in una zona isolata, lontana dagli incendi che, nel corso dei millenni, si sono sviluppati anche naturalmente in altre aree. È un territorio estremamente roccioso ed in molte zone arido e desertificato, che fa sì che gli alberi crescano distanti l'uno dall'altro.

Altri esemplari

L'albero californiano è in buona compagnia. Arbusti molto longevi sono presenti in California e non solo. Prima di lui il più antico era Methuselah, sempre della stessa famiglia dei pinus longaeva e che vanta ben 4845 primavere. In Nevada, invece, era presente fino a pochi anni fa un altro esemplare che aveva un anno di meno di Methuselah. Il tronco è stato conservato e mantenuto nel suo luogo d'origine.

Il più antico d'Italia

In Italia, l'albero più antico si trova in Sardegna, nel comune di Luras, in provincia di Olbia Tempio. Si tratta di un olivo, in Sardegna lo chiamano “il Patriarca” o S’Ozzastru (cioè, l’Olivastro) e, secondo diversi esperti, è anche uno dei più antichi di tutta Europa.

È Monumento Naturale dal 1991 ed uno dei 20 alberi secolari italiani da tutelare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.