Due stazioni spaziali si “incontrano” in orbita

La Stazione Spaziale Internazionale e quella cinese denominata Thiane - 1 sono state immortalate insieme nei cieli di Roma, questo evento unico ricorda l'importanza dell'esplorazione spaziale e della contestuale collaborazione tra agenzie.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44

Nella serata del 20 maggio ha avuto luogo un’evento unico nella storia dell‘esplorazione spaziale: nel cielo notturno di Roma si è potuto ammirare e fotografare il passaggio simultaneo di due stazioni spaziali: la Stazione Spaziale Internazionale e la prima stazione spaziale denominata Tianhe – 1 che a inizio maggio è stata protagonista della cronaca internazionale per la caduta di frammenti del suo raggio propulsore cinese denominato Lunga Marcia 5B. L’autore di questo storico scatto fotografico è stato l’astrofisico Gianluca Masi.

L’importanza dell’esplorazione spaziale per lo sviluppo di nuove tecnologie

Questo importante evento ci ha ricordato l’importanza dell’esplorazione spaziale ed il contributo in termini di sviluppo tecnologico che la stessa apporta nella nostra vita quotidiana quali ad esempio il  miglioramento dei dispositivi medici esistenti quali ad esempio la risonanza magnetica per immagini, la correlata nascita di strumentazione medica ad elevata tecnologia come il braccio robotico ed il contrasto di patologie come l’osteoporosi. Oltre a ciò è fondamentale ricordare che lo studio delle mutazioni climatiche non sarebbe possibile senza il contributo fondamentale esercitato dall’osservazione satellitare che permette di gestire in maniera più efficace ed oculata l’impatto dell’uomo sul pianeta.

Una collaborazione pacifica tra diverse agenzie spaziali per un futuro migliore

Successivamente, oltre a quanto precedentemente esemplificato, è auspicabile che lo scatto fotografico precedentemente descritto possa essere di auspicio per una collaborazione pacifica e proficua tra diverse agenzie spaziali per consentire a tutti di usufruire di nuove scoperte scientifiche che migliorino la qualità della vita e incentivino una ripartizione delle risorse maggiormente equa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.