Disegna strisce pedonali per far attraversare la moglie disabile: multato

La vicenda si è svolta in Inghilterra e l'uomo, dopo molte richieste inascoltate, aveva preso l'iniziativa per rendere la strada più sicura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:01

Una notizia che fa intenerire (e anche un po’ arrabbiare) arriva dall’Inghilterra. Un uomo di 78 anni, pensionato si è visto comminare una multa per aver dipinto delle strisce pedonali su una strada molto trafficata. L’uomo ha compiuto questo gesto per permettere alla moglie disabile di attraversare in sicurezza.

La vicenda si è svolta a Christchurch, nel Dorset, e l’uomo avrebbe agito di sua iniziativa dopo che le sue tante richieste alle amministrazioni locali erano cadute nel vuoto.

A compiere il gesto non sarebbe stato solo: con lui altri due vicini che in poco tempo hanno formato sulla strada sei strisce rettangolari bianche. I fantasiosi cittadini hanno anche aggiunto un segnale di limite della velocità a 10 m/h in una via adiacente.

Il segnale ha funzionato

Sebbene la segnaletica non fosse autorizzata, gli automobilisti di passaggio hanno “rispettato” i segnali stradali posticci. Secondo l’anziano, il suo gesto “Ha reso la strada sensibilmente più sicura”. In questo modo, infatti sua moglie 76enne e costretta a usare uno scooter per disabili, ne ha beneficiato. Non solo lei, ma anche gli anziani e la famiglie con i bambini piccoli che abitano nel quartiere.

Ma la Polizia ha applicato la legge…

Sebbene il gesto dall’alto senso civico, i funzionari del consiglio comunale (i medesimi che che non avevano risposto alle richieste di intervento) hanno rimosso le strisce dipinte dall’uomo, che è stato poi convocato dalla polizia. Il pensionato è stato anche multato e dovrà pagare 130 sterline per la rimozione delle sue strisce.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.