LUNEDÌ 26 NOVEMBRE 2018, 11:00, IN TERRIS


FIRENZE

Creati a scuola i profili Instagram dei personaggi storici

Dante, Manzoni, Aristotele, Machiavelli, Van Gogh, Hegel, Petrarca, Giolitti, Seneca, Catone e Lincoln

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Alcuni profili Instagram di personaggi storici
Alcuni profili Instagram di personaggi storici
A

desso anche personaggi del passato, come Dante e Manzoni, hanno il proprio profilo Instagram, il noto social network che permette agli utenti di scattare foto, applicarvi filtri, e condividerle in Rete. Si chiama Social challenge e ha visto coinvolti un centinaio di studenti degli istituti superiori fiorentini che si sono cimentati in una singolare competizione: quella di ideare e animare profili Instagram di 14 personaggi studiati a scuola. Non solo Dante e Manzoni, ma anche Beatrice, Aristotele, Machiavelli, Van Gogh, Eraclito, Hegel, Talete, Petrarca, Giolitti, Seneca, Catone e Lincoln.

Gli studenti sono stati chiamati a ipotizzare il linguaggio e "comportamento social" degli illustri trapassati. A vincere, il profilo di Alessandro Manzoni, creato dagli studenti del liceo classico Galileo che si sono così aggiudicti il titolo di scuola più 'social' di Firenze.


Il Social challenge

La sfida del 'Social challenge', spiega una nota, è un metodo pensato per l'uso dei social network nelle scuole, ideato da DataLifeLab, laboratorio di ricerca dell'Università di Firenze, insieme alla cooperativa di progettazione ReteSviluppo e alla startup tecnologica Kinoa.

"Il metodo Social Challenge può tranquillamente entrare tra i banchi di scuola - spiega una nota - e aiutare a dare vita a personaggi, materie, nozioni. I social network, piuttosto che essere banditi dalle aule scolastiche, se saputi gestire attraverso format e metodi appropriati, possono divenire un valido strumento per il trasferimento dei contenuti studiati nel linguaggio del quotidiano, oltre che oggetto di discussione e riflessione. E' questa la sfida che Kinoa e Data Life Lab lanciano a insegnanti e studenti, per una scuola ancorata al presente che non abbia paura dei social network ma li utilizzi con arguzia e creatività". Il metodo è stato presentato e testato nell'ambito del Forum studenti Firenze, una tre giorni recentemente svolta presso il liceo classico Galileo.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Giuseppe Conte
GOVERNO

Procedura infrazione: cosa ha detto Conte

Il premier alla Camera: "Determinati a evitare iter Ue ma covinti della nostra politica economica"
Vecchio televisore
L'INTERVISTA

Freccero: "Basta propaganda in tv, spazio alla verità"

Il direttore di Raidue conferma il lancio in autunno de "L'ottavo blog", per dar spazio all'informazione...
L'auto dove sono morti i due conoscenti
LITORALE

Giallo di Torvaianica, in un video la svolta

Autopsia e alibi. Il punto sulla morte dei due conoscenti
Morte assistita
AUSTRALIA

Victoria: i malati terminali potranno uccidersi

I moribondi potranno chiedere farmaci letali. Protestano i vescovi: "No alla morte assistita"
PIACENZA

Bimbo di 18 mesi ingerisce cocaina

Sull'episodio sta indagando la Procura piacentina
Alfonso Bonafede
CASO NOMINE

Il governo prepara la riforma della giustizia

Oggi vertice a Palazzo Chigi. Conte: "Recidere contaminazione fra politica e magistratura"
Un'edizione de
MATURITÀ 2019

Ecco "Il Porto sepolto" di Ungaretti

La poesia, confluita nel 1942 nella raccolta L'allegria, è la prova di analisi del testo
Carabinieri in azione
LICATA

Mafia: 31 arresti, c'è anche un consigliere comunale

Tra i fermati c'è il boss licatese Angelo Occhipinti, presunto reggente della cosca