In Costa Rica il caffè diventa simbolo patrio

Il governo si impegna a sostenerne la produzione di una nazione legata al caffé da sempre. Un modo per aiutare il settore e riattivare l'economia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59
caffé

Carlos Alvarado, presidente di Costa Rica, ha promulgato una legge approvata dal Parlamento con cui si dichiara il caffé “15/o simbolo patrio del Paese nello sviluppo economico, sociale e culturale”.

Il Costa Rica è considerato un piccolo produttore di caffé arabica e secondo i dati diffusi dal Dipartimento dell’Agricoltura statunitense, il suo raccolto complessivo, a cui contribuiscono piccole unità agricole, è stato nella passata stagione di 1,5 milioni di sacchi da 60 chilogrammi.

Caffè macinato

Riattivare l’economia

In un comunicato diffuso dall’ufficio stampa presidenziale, Alvarado ha sottolineato che “conosciamo l’importanza che ha in questo momento di pandemia da coronavirus il settore produttivo del caffé per la riattivazione dell’economia”.
Per questo, è stato anche firmato un progetto di legge che ha come obiettivo determinare un regime equo di relazioni fra produttori, beneficiari ed esportatori del caffé.

Caffè come simbolo patrio

Inoltre le autorità costaricensi hanno colto l’occasione della consacrazione del caffé come ‘simbolo patrio’ per rivolgere un appello alla popolazione a partecipare in massa alla campagna di raccolta che comincerà in agosto e si estenderà fino a marzo 2021, e che finora ha avuto l’adesione di oltre 17.000 persone.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.