Coronavirus, Torre del Greco si affida all’Immacolata per fermare la pandemia

Il comune nel napoletano, già nel 1861 si era affidato alla Madonna per fermare una terribile eruzione del Vesuvio. Ora la preghiera via streaming per scongiurare la diffusione della pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:12

Nel 1861, per fermare una terribile eruzione del Vesuvio, gli abitanti di Torre del Greco, in provincia di Napoli, si erano affidati all’intercessione della Madonna. Anche in questo periodo il popolo torrese ha deciso di invocare l’aiuto dell’Immacolata chiedendo di fermare l’avanzare del contagio da coronavirus.

La preghiera

Questa volta via internet, per evitare assembramenti, si è svolta una funzione trasmessa via streaming dalla basilica di Santa Croce, quella del parroco San Vincenzo Romano, canonizzato alla fine del 2018. A partecipare alla celebrazione eucaristica, presieduta dal parroco don Giosuè Lombardo, è stato il sindaco della città vesuviana, Giovanni Palomba, che ha donato la lampada votiva accesa al termine della messa sull’altare dell’Immacolata per ”rinnovare l’antico voto dei torresi e scongiurare la diffusione dell’epidemia”, come si legge in un comunicato stampa diramato dal portavoce del sindaco di Torre del Greco. “Un evento che resterà nella storia della nostra comunità – ha commentato Palomba – celebrato per l’intera nostra città”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.