Parigi. Chanel e i suoi abiti iconici

Fino al 14 marzo 2021 la mostra “Gabrielle Chanel – Manifeste de Mode” al Palais Galliera.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:49
Fonte: ANSA

Il Palais Galliera, il museo parigino della moda, chiuso per lavori di ampliamento dal 2018 sostenuti dalla Maison Chanel,  ha  riaperto i battenti in grande stile con la prima grande retrospettiva mai dedicata agli abiti creati dalla piccola donna, che a partire dal 1912 rivoluzionò la moda femminile. Il nome della mostra già dà l’idea di quanto si può ammirare: una raccolta di capi e di accessori che raccontano la poetica di questa stilista, proprio come un manifesto: “Gabrielle Chanel – Manifeste de Mode” 

Chi era Coco Chanel?

Coco è oggetto di un interesse e  di un culto che vanno aldilà del mondo della moda. Donna affascinante nella sua eccentricità: portava i capelli corti, teneva la mano in tasca, aveva scelto di vivere al Ritz, a pochi passi dai suoi appartamenti di Rue Cambon. Coco sapeva bene chi era e chi voleva essere, ed è sempre rimasta fedele alla sua visione.

“Prima di essere un marchio, Chanel era un’avventuriera”, come confessò Lilou Marquand, sua assistente negli ultimi anni di vita. È stata un’indiscussa couturier controcorrente. “Ho restituito al corpo della donna la sua libertà; questo corpo sudava in abiti da parata, sotto i lacci, i corsetti, la biancheria intima, l’imbottitura”  amava sottolineare Chanel, come riportò Paul Morand in L’allure de Chanel.

Lo stile Chanel si vede nei dettagli e nell’eleganza estremamente chic delle sue creazioni. Coco rifiutava gli ornamenti superflui e faceva un uso audace dei colori e della materia. “È  la stoffa che fa un vestito, non gli orpelli che vi si possono aggiungere” diceva Gabrielle.

 La mostra

Sono ad attenderci 350 abiti – quelli che secondo il sorpassato Poiret trasformavano le donne in “piccole telegrafiste” –  provenienti dagli archivi Chanel, da quelli del Palais Galliera e di musei internazionali come il Victoria & Albert di Londra, il MoMu di Anversa e il De Young di San Francisco, esposti in maniera tematica lungo oltre 1.500 metri quadrati. Narrano una  storia, che mostra quanto, negli anni, la Maison abbia saputo evolversi pur rimanendo sempre fedele a se stessa. 

Il percorso della mostra traccia, attraverso 10 capitoli, l’evoluzione estetica della Maison dalla fondazione nel 1910. Si parte dalla giacca da marinaio del 1916, dovuta ai suoi trascorsi a Biarritz e a Deauville, per arrivare alla petite robe noir che ha animato gli anni ’20 e alle creazioni che hanno segnato la femminilità degli anni ’30. È  evidente come in quegli anni la sua idea di eleganza fosse in forte anticipo sui tempi, si tratta infatti di abiti ispirati alla moda maschile, creati usando materie e tecniche fino ad allora estranee al mondo del lusso, come la maglia e il tweed. Si arriva poi fino alla sala dedicata al profumo Chanel N° 5,  creato nel 1921 per poi giungere all’eterna borsa matelassé 2.55. Sono raccontati anche gli anni della guerra, quando gli atelier furono costretti a chiudere e gli unici prodotti Chanel in commercio rimasero i profumi e gli accessori.  E poi il tailleur che segnò il ritornò, nel 1954, di una Coco ormai settantenne.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.