Giornata autismo: Montecitorio e Palazzo Madama si illuminano di blu

Montecitorio e Palazzo Madama si illuminano stasera, 1 aprile, di blu per la Giornata mondiale della consapevolezza sull'autismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:49
Montecitorio e Palazzo Madama

Montecitorio e Palazzo Madama si illuminano stasera di blu per la Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo. La facciata della Camera sarà illuminata stasera dalle ore 21 fino alle prime luci dell’alba.

Il Senato della Repubblica, su iniziativa del Presidente del Senato Elisabetta Casellati, illuminerà di blu la facciata di Palazzo Madama dalle 20 di oggi, 1 aprile, fino all’alba di domani.

Montecitorio illuminato di blu

Come accade da diversi anni, questa sera monumenti e palazzi di tutto il mondo cambiano colore per dare rilievo alla Giornata mondiale, istituita nel 2007 dall’Onu. La giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, anche semplicemente giornata mondiale per l’autismo, è fissata al 2 aprile di ogni anno ed è un giorno riconosciuto a livello internazionale per incoraggiare gli Stati membri delle Nazioni Unite a prendere misure per sensibilizzare riguardo alle persone con autismo in tutto il mondo. La giornata è stata designata dalla risoluzione 62/139 e adottata il 18 dicembre 2007. Il 2 aprile, le singole organizzazioni dedicate all’autismo esistenti in tutto il mondo si uniscono per collaborare riguardo a ricerca, diagnosi, trattamento e accettazione generale per le persone portatrici di questa varianza neurologica.

Secondo i dati del Ministero della Salute, in Italia un bambino su 77 (età tra i 7 e i 9 anni) presenta un disturbo dello spettro autistico con una prevalenza maggiore nei maschi, colpiti 4,4 volte in più rispetto alle femmine.

Palazzo Madama illuminata di blu

13 vip raccontano in un video l’autismo contro i pregiudizi

Tredici personaggi famosi – Al Bano, Lino Banfi, Susanna Tamaro, Roby Facchinetti, Giacomo Poretti, Giovanni Storti, Antonio Provasio, Alba Parietti, Luisa Corna, Cristiano de André e la figlia Alice, l’atleta paralimpica Martina Caironi, il centrocampista dell’Inter e della Nazionale Nicolò Barella – raccontano ciò che significa essere autistici in un video realizzato in occasione del 2 aprile, Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, istituita nel 2007 dall’Assemblea generale dell’Onu.

In memoria del Prof. Moderato

Nel video i vari personaggi leggono le pillole che concentrano i bisogni e le caratteristiche delle persone autistiche, redatte dal professore Lucio Moderato, mancato a 65 anni lo scorso dicembre per covid. Moderato era uno psicologo, psicopedagogista, docente di Pedagogia dei disturbi generalizzati dello sviluppo alla Cattolica di Milano. Era anche direttore dei servizi innovativi per l’autismo della Fondazione Sacra Famiglia di Milano, una grandissima realtà che si occupa di disabilità e autismo, nonché supervisore del Progetto Autismo dal gruppo sociale Castel Monte.

Il filmato, montato dalla regista Chiara Francesca Longo, docente di Scuola Futuro Lavoro a Milano, la prima in Europa studiata per rispondere alle esigenze di studenti Asperger, ha come enti promotori Fondazione un Futuro per l’Asperger, Aps Angsa Lombardia (Associazione genitori di soggetti autistici) e Fondazione Sacra Famiglia di Cesano Boscone.

Lo scopo del filmato – è stato spiegato in una conferenza online – è contribuire alla divulgazione di informazioni corrette che contrastino la discriminazione ingiustificata e favorire il miglioramento della qualità della vita delle persone con autismo, in modo che possano condurre un’esistenza socialmente integrata. Quest’anno, in particolare, l’ONU dedica la giornata al tema dell’inclusione sul lavoro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.