Arriva la Superluna di aprile, la più vicina e luminosa dell’anno

L'Unione Astrofili italiani stila un calendario degli "appuntamenti" che renderanno spettacolare il cielo notturno del mese di aprile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:21

Il cielo notturno del mese di aprile promette di dare spettacolo. E’ quanto segnala l’Unione Astrofili Italiani (Uai), che ha stilato un calendario degli appuntamenti che ci faranno puntare gli occhi verso l’alto.

La Superluna

Si comincia nella notte tra il 7 e 8 aprile quando potremo ammirare la più luminosa e spettacolare Superluna di quest’anno. La Luna piena, si troverà nel punto dell’orbita più vicino alla Terra (Perigeo).  Inizierà a trovarsi alla minima distanza dal nostro pianeta alle 19:10 del 7 aprile, circa 8 ore prima della Luna Piena, prevista alle 4:35 della notte dell’8 aprile.

Venere

Anche Venere, il secondo pianeta del Sistema Solare in ordine di distanza dal Sole, si prepara a dare spettacolo. Nella notte del 3 aprile incontrerà l’ammasso stellare delle Pleiadi nella costellazione del Toro. Congiunzione che si ripete, più o meno sempre nella stessa data, ogni 8 anni.

Gli altri pianeti

Se la Luna e Venere si contenderanno la notte, Giove, Saturno e Marte, si apprestano a prendere il loro spazio nel cielo mattutino. Durante il mese il pianeta rosso si allontanerà da Saturno e sarà l’ultimo a sorgere tra i pianeti visibili al mattino, chiudendo il terzetto che comprende anche Giove, il più luminoso dei tre.

Altri appuntamenti da non perdere

Come nei mesi precedenti continuano le spettacolari congiunzioni tra la Luna calante e i pianeti visibili prima dell’alba, come quella del 15 aprile tra Luna, Giove e Saturno, o del 16 aprile tra la Luna e Marte. Si concluderà il 26 aprile con tanti astri luminosi all’orizzonte dopo il tramonto: le Pleiadi, la stella Aldebaran, la Luna crescente e Venere. Da seguire, conclude la Uai, l’evoluzione della cometa C/2019 Y4 Atlas, che potrebbe diventare visibile ad occhio nudo.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.