Aglione della Valdichiana, una biodiversità da tutelare

Questa specie tipica della zona tra Toscana e Umbria ha fatto il suo ingresso nel registro nazionale delle agrobiodiversità per ricevere la giusta tutela e valorizzazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:48
Biodiversità alimentari, Aglione della Valdichiana

L’Italia è un territorio incredibilmente ricco di biodiversità, che anche da punto di vista agro alimentare rendono il nostro Paese un luogo attraente e desiderabile per i suoi mille sapori diversi.

E’ di oggi la notizia dell’entrata nell’Anagrafe nazionale dell’agrobiodiversità dell’Aglione della Valdichiana. Si tratta di una varietà locale toscana che appartiene alla specie Allium ampeloprasum var. holmense, da non confondersi con l’aglio (specie Allium sativum).

L’anagrafe regionale e nazionale delle agrobiodiversità

La funzione di questi registri è quella di salvaguardare le tipicità di un territorio, facendole diventare un simbolo e un’eccellenza di una certa zona.

L’entrata dell’Aglione nel Repertorio regionale e all’Anagrafe nazionale dell’agrobiodiversità è un’azione che rappresenta un passo importante per l’attività della messa in sicurezza di un patrimonio unico.

Ad oggi sono oltre 700, su un totale di 880, le varietà di frutta, ortaggi, cereali, foraggi autoctoni e razze animali della Toscana salvaguardate. Rischiando di scomparire, infatti, la Regione Toscana cerca di salvaguardarle con un sistema basato sull’azione dei “Coltivatori custodi” e  sulle  “Banche del germoplasma”.

“Il percorso è stato interessante  – afferma il professore Stefano Biagiotti responsabile scientifico del progetto – grazie agli studi che si sono condotti in questo progetto, e per gli approfondimenti che hanno stimolato anche la Regione Umbria all’iscrizione di questa cultivar nei propri Repertori. Ora dovremo dare vita a una rete di coltivatori custodi che avranno il compito di conservare la cultivar nelle proprie aziende e in diverse banche del germoplasma della Toscana. Con questa caratterizzazione mettiamo un altro tassello per dimostrare la provenienza di tale prodotto alla quale puntano i produttori e i consumatori, avendo già iniziato il percorso per proporre la DOP/IGP legando ancora di più l’Aglione della Valdichiana all’area di produzione”.

Come si utilizza l’Aglione

Più conosciuto come condimento per il famoso piatto dei pici toscani, ma già conosciuto come “Prodotto tradizionale agroalimentare” anche a livello nazionale, l’Aglione della Valdichiana è stato salvato da alcuni agricoltori locali della Valdichiana toscana e umbra. Solo recentemente è stato riscoperto, recuperato e valorizzato dagli agricoltori e dagli enti locali e dalle loro associazioni e consorzi, tuttavia risulta ancora a rischio di estinzione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.