VENERDÌ 17 APRILE 2015, 19:14, IN TERRIS

"UNA FINESTRA SU ROMA" PER CELEBRARE GLI SCATTI DI RINO BARILLARI

Le foto del King dei paparazzi saranno in mostra nella capitale presso lo Store Roma Mascometal

AUTORE OSPITE
"UNA FINESTRA SU ROMA" PER CELEBRARE GLI SCATTI DI RINO BARILLARI
Da giovedì 16 aprile lo Store Roma Mascometal, a marchio Schüco, ospita la mostra fotografica dal titolo "Una finestra su…Roma", un progetto curato da Maria Grazia Perna che metterà in luce gli scatti di Rino Barillari. Conosciuto come il "Re dei paparazzi", grazie ai suoi memorabili scoop è riuscito a rendere l'affresco di un'epoca nella cornice romana della Dolce Vita.

Arte e design si incontrano in uno spazio espositivo, apparentemente inusuale, che testimonia piuttosto la possibilità di fare cultura anche in ambienti che nascono per essere destinati ad altri scopi e che, grazie a sinergie ragionate, contribuiscono a valorizzare e animare aree più periferiche della Capitale. Gli scatti del fotografo che da poco ha festeggiato i 70 anni, di cui oltre 50 trascorsi a fotografare star del jet set internazionale, saranno affiancati a un grande pannello illustrativo realizzato attraverso una raccolta di piccole foto e ritagli di giornale. Tutt'altro che casuale la scelta dei lavori, fatta dallo stesso fotografo, che spiega come quelle in mostra siano "le immagini più rappresentative della vita della Capitale".

Sintetico eppure completo il percorso espositivo, che di quest'uomo, partito giovanissimo dal profondo Sud alla conquista della “Hollywood sul Tevere”, racconta – attraverso veloci flash - la vita avventurosa, l’intraprendenza e la determinazione, segnando un punto di riflessione in una carriera variegata che è andata di pari passo con la storia del dopoguerra italiano.

Originario della provincia di Vibo Valentia, Saverio Barillari, detto Rino, arriva a Roma a 14 anni e trova un impiego aiutando gli "scattini", fotografi senza gloria e sottoproletari dell'obiettivo che lavorano presso la Fontana di Trevi. E' così che inizia la sua carriera, lungo le strade della capitale. Una gavetta gli permette di tirar fuori il suo carattere grintoso che lo porterà ben presto a muoversi da solo iniziando a vendere le sue foto ad agenzie giornalistiche come l'Associated Press, l'UPI e l'Ansa. E' così che, a cavallo tra il 1959 e il 1960, riesce a immortalare molti volti noti della "Dolce vita" da: Liz Taylor a Ingrid Bergman, da Jacqueline Kennedy a Barbra Streisand e poi ancora Brigitte Bardot e tanti altri.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"