LUNEDÌ 01 GIUGNO 2015, 17:00, IN TERRIS

TORINO, QUARANTESIMA LAUREA AD HONEREM PER UMBERTO ECO

L'evento avrà luogo mercoledì 10 giugno presso nell’Aula Magna della Cavallerizza Reale a Torino

AUTORE OSPITE
TORINO, QUARANTESIMA LAUREA AD HONEREM PER UMBERTO ECO
TORINO, QUARANTESIMA LAUREA AD HONEREM PER UMBERTO ECO
E' prevista il 10 giugno all'Università di Torino la consegna della laurea honoris causa in "Comunicazione e Culture dei Media" per Umberto Eco. La cerimonia avrà inizio alle 16:30 nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale (via Verdi 9). Dopo i saluti del Rettore Gianmaria Ajani e del Direttore uscente del Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'Educazione Massimo Ferrari, il prof. Ugo Volli pronuncerà la laudatio. Infine, Umberto Eco terrà una lectio magistralis. Ciò che ha meritato questo titolo è il rinnovamento apportato dallo scrittore italiano nello studio della comunicazione e nella teoria semiotica. Per il professore emerito all'Università di Bologna si tratta della quarantesima laurea honoris causa, un traguardo raggiunto da pochi grandi intellettuali del calibro di Noam Chomsky.

Nato ad Alessandria nel 1932 è conosciuto su scala internazionale non solo come scrittore, ma anche come critico, saggista, semiologo e filosofo. Si laurea nel 1954, all'età di 22 anni, presso l'Università di Torino, con una tesi sul pensiero estetico di Tommaso d'Aquino, poi pubblicata come volume autonomo. Negli anni '60 avvia la sua carriera presso i servizi culturali della Rai ed è proprio in questi anni grazie ad alcuni amici della trasmissione "Lascia o Raddoppia" che il suo nome diventa sempre più conosciuto con il celebre saggio-stroncatura intitolato provocatoriamente "Fenomenologia di Mike Buongiorno", contenuto nell'altrettanto famoso "Diario minimo", una raccolta di elzeviri scritti per "Il Verri".

Ha aderito al Gruppo 63, un movimento letterario di neo-avanguardisti che si costituì a Palermo nell'ottobre del 1963 in seguito a un convegno tenutosi aSolunto da alcuni giovani intellettuali fortemente critici nei confronti delle opere letterarie ancora legate a modelli tradizionali tipici degli anni cinquanta. Da allora iniziarono pubblicazioni importanti come "Opera aperta", collaborazioni con le case editrici, con giornali come il Corriere della Sera e riviste artistiche ed intellettuali. Ciò che non mancò mai fu l'insegnamento nelle aule universitarie che rappresentano una delle prime passioni di Eco. Il successo planetario è arrivato indubbiamente con "Il nome della rosa", romanzo ambientato nel 1327 in una ricca abbazia benedettina del Nord Italia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano