SABATO 06 GIUGNO 2015, 004:30, IN TERRIS

“THE STABLE”: LA CULTURA SLOVENA IN MOSTRA A VENEZIA

Il 13 giugno l'esposizione sarà inaugurata alla galleria A plus A

AUTORE OSPITE
“THE STABLE”: LA CULTURA SLOVENA IN MOSTRA A VENEZIA
“THE STABLE”: LA CULTURA SLOVENA IN MOSTRA A VENEZIA
Negli spazi espositivi della Galleria A plus A di Venezia, il giovane artista Enej Gala presenterà “The Stable” (La Stalla), un progetto del tutto inedito, pensato e realizzato esclusivamente per la galleria veneziana a cura di aurora Fonda e Sandro Pignotti. La mostra, che inizierà il 13 giugno e si concluderà il 20 settembre, si sviluppa attraverso una serie di sculture e dipinti di diverse misure, dalle miniature fino ad opere a grandezza d’uomo. Tutte le opere sono collocate in un contesto che riprende l’ambientazione campestre tipica della Slovenia. I lavori pittorici della mostra prendono spunto dalle poesie raccolte nel libro “The Book of Things” del poeta contemporaneo sloveno Ales Steger.

L’intera esposizione si sofferma sulla funzione della cultura contadina slovena inserendola in un più ampio scenario globale. Alcune opere si mettono a confronto la cultura slovena con le origini del popolo europeo mettendo lo spettatore di fronte ad uno scenario rurale che si proietta fino ai giorni nostri. Nei dipinti di Gala è presente un costante dialogo tra elementi iperrealisti e primi piani opachi, costringendo lo spettatore a cambiare continuamente punto di vista, adattando la propria percezione al contenuto. Il suo tratto distintivo si ritrova nelle strategie che adotta per ironizzare i miti culturali e ideologici di del passato e del presente. L’onnipresente legame con la natura è probabilmente l’unico vero tratto dell’identità slovena. A emergere nel lavoro di Gala sono i romanzi di Kafka che riflettono l’idea della caccia come trappola, trasformando una serie di sculture e pitture in vere e proprie esche seducenti.

Enej Gala (Lubiana nel 1990) è laureato presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Ha partecipato a diverse mostre collettive e personali in Slovenia, Italia, Montenegro, Croazia, Albania, Senegal, Paesi Bassi e Portogallo. Dal 2010 partecipa ai workshop di Disegno e Pittura Atelier F a cura di Carlo di Raco, a Forte Marghera. Nel 2012 vince la borsa di studio della 96a collettiva giovani artisti della Fondazione Bevilacqua la Masa; il giovane sloveno è anche membro del collettivo Fondazione Malutta.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015