MARTEDÌ 21 APRILE 2015, 12:13, IN TERRIS

TEL AVIV, SCOPERTO MAGAZZINO EGIZIO PER LA BIRRA VECCHIO DI 3500 ANNI

Lo scavo è la prima testimonianza della presenza del popolo dei Faraoni in Israele nella prima Età del Bronzo

MILENA CASTIGLI
TEL AVIV, SCOPERTO MAGAZZINO EGIZIO PER LA BIRRA VECCHIO DI 3500 ANNI
TEL AVIV, SCOPERTO MAGAZZINO EGIZIO PER LA BIRRA VECCHIO DI 3500 ANNI
Se Bacco e Venere brindavano col vino, Iside e Osiride preferivano…la birra. È stato infatti recentemente scoperto A Tel Aviv (in Israele) un antico magazzino risalente a 5.000 anni fa contenente un gran numero di frammenti di grandi recipienti di ceramica, risalenti alla tradizione egizia, usati per preparare la birra. I cocci e centinaia di altri reperti che caratterizzano la cultura locale del tempo, erano interrati all’interno di 17 pozzi che venivano utilizzati per conservare i prodotti agricoli durante la prima Età del Bronzo, all’incirca verso il 3500-3000 a.C.

La birra, bevanda alcolica tra le più antiche al mondo, era stata la “bevanda nazionale” dell’antico Egitto. Si trattava di un bene primario come il pane e veniva consumata dall’intera popolazione, indipendentemente dall’età, dal genere o dallo status. La “bionda” era il risultato di una mistura di orzo e acqua che veniva fatta cuocere e poi lasciata a fermentare sotto al sole. Diversi concentrati di frutta venivano aggiunti alla miscela in modo tale da insaporirla che poi veniva filtrata in speciali recipienti ed era così pronta all’uso.

Gli scavi condotti nella regione del delta d’Egitto hanno permesso di portare alla luce birrifici, i quali ci indicano che la birra veniva prodotta già a metà del 4° millennio a.C. Questo scavo ha la particolarità e il pregio di essere la prima testimonianza evidente di un’occupazione egizia nel centro di Tel Aviv proprio risalente a 3000 anni fa e di essere la prova di una presenza egizia nell'Antica Età del Bronzo I così a nord. Fino a oggi infatti, secondo gli studi archeologici, il punto più a nord dell’occupazione egiziana si era dimostrato essere Azor.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"