VENERDÌ 05 GIUGNO 2015, 004:30, IN TERRIS

SARA' PUBBLICATO IL COLOSSALE EPISTOLARIO DI PUCCINI

Già dal primo dei nove volumi emerge un'inclinazione poetica e grafica del grande compositore

CLAUDIA GENNARI
SARA' PUBBLICATO IL COLOSSALE EPISTOLARIO DI PUCCINI
SARA' PUBBLICATO IL COLOSSALE EPISTOLARIO DI PUCCINI
A breve potremo leggere tutti il monumentale carteggio di Giacomo Puccini. Uscirà infatti il primo volume, ma l’opera nel complesso consterà di nove volumi, e ricoprirà un arco temporale cheva da 1877 al 1924. Questo primo volume delle Edizione Nazionale delle Opere di Giacomo Puccini, contiene 784 lettere dal 1877 al 1896, delle quali più di 150 pubblicate per la prima volta e le altre presentate in nuove trascrizioni, emendate sulle fonti o con datazioni più coerenti nei casi in cui gli autografi ne fossero privi.

Curato da Gabriella Biagi Ravenni e Dieter Schickling, l’epistolario copre un ventennio che costituisce il più significativo della vita del musicista e, sul piano professionale, illustra la fase finale dei suoi studi e la maturazione artistica: da “Le Villi” e dall’”Edgar”, al primo successo di “Manon Lescaut”, fino alla consacrazione definitiva de “La bohème”.

Le lettere contenute attestano anche grandi qualità di scrittura. Alla diversità dei destinatari e degli argomenti affrontati, corrisponde un’altrettanta varietà di torni e di stili. Dall’affettuoso, amichevole e confidenziale, si passa a toni formali, professionali. Tra le righe si mescolano la cronaca quotidiana, la richiesta spicciola, la citazione colta, ma anche linguaggi licenziosi e imprecazioni. Non è raro trovare un’inclinazione poetiche nelle numerose rime che scandiscono la prosa, spesso come risposta a lettere in versi degli interlocutori. Particolare anche la vena grafica, infatti ad alcune parole chiave il compositore ha sostituito alcuni disegni, e anche lo spazio dei fogli e delle cartoline è utilizzato in maniera particolare.

L’opera sarà presentata a Lucca, presso la Cappella Guinigi del complesso conventuale di San Francesco, in via della QUarquonia, venerdì 5 giugno alle ore 17.30. Interverranno Arturo Lattanzi (Fondazione Cassa Risparmio Lucca), Virgilio Bernardoni (Edizione Nazionale delle Opere di Giacomo Puccini), Daniele Olschki (Casa Editrice Leo S. Olschki), Mauro Tulli (Università di Pisa), Paolo Fabbri (Università di Ferrara, Fondazione Donizetti), Vittorio Coletti (Università di Genova).
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma