DOMENICA 25 SETTEMBRE 2016, 002:20, IN TERRIS

SALONE DEL LIBRO, TRA MILANO E TORINO E' ROTTURA DEFINITIVA

Si tratta di un vero e proprio scontro fra le due città

DANIELE VICE
SALONE DEL LIBRO, TRA MILANO E TORINO E' ROTTURA DEFINITIVA
SALONE DEL LIBRO, TRA MILANO E TORINO E' ROTTURA DEFINITIVA
"Era una splendida occasione, ma purtroppo le reciproche rigidità hanno impedito, almeno ad oggi, questo orizzonte". Con queste parole il ministro dell' Istruzione, Stefania Giannini, ha commentato la definitiva rottura tra Milano e Torino sul Salone del Libro evento unico, nelle stesse date nelle due città e con un'unica governance. Ad annunciare il fallimento è il ministro del Mibact, Dario Franceschini, il quale ha dato la notizia "con molta amarezza e nella consapevolezza di avercela messa tutta".

I fronti sono contrapposti sull'idea di Milano spazio per gli editori con i loro stand e Torino luogo d'eccellenza per i librai e, dopo una riunione complicata durata un'ora e mezza, si è giunti alla conclusione che il Salone unico "non s'ha da fare".  Il presidente dell'Aie Federico Motta ha commentato: "La nostra idea era creare a Torino la più grande libreria d'Italia. Torino ha un problema legato ai vincoli dello spazio espositivo, il Lingotto".

Il presidente dell'Aie, poi, ha precisato: "mi definiscono 'guastatore' ma vorrei dire che da parte nostra c'è la più grande apertura e disponibilità a supportare diverse attività e il territorio di Torino e a supportarlo sulle nostre spalle". Ma "Salone unico del libro significa spazi espositivi in entrambe la città", ha sottolineato il sindaco di Torino, Chiara Appendino. "E' una condizione per noi non accettabile. Non c'è stata apertura e noi andiamo avanti. Festeggeremo i trent'anni di storia, lo faremo al Lingotto, intorno a questo immagineremo un nuovo format".

Si tratta di un vero e proprio scontro fra le due città, una lotta che ha portato il ministro Franceschini a dire: "Ci siamo trovati di fonte a molte rigidità delle due città e le guerre cominciano così". In questo modo, secondo Franceschini, l'"Italia ha perso una grande occasione". Se si fosse trovato un accordo sarebbe "stato meglio per il sistema Paese", ha sottolineato anche Chiara Appendino. "Noi abbiamo difeso la dignità di una città e di un Salone trentennale" ha fatto presente Chiamparino.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano