LUNEDÌ 07 MARZO 2016, 002:30, IN TERRIS

ROMA OSPITA L'ARTE DEL '500: PARMIGIANINO E CORREGGIO ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE

La mostra sarà curata da David Ekserdjian e sarà aperta al pubblico dal 12 marzo al 26 giugno

DANIELE VICE
ROMA OSPITA L'ARTE DEL '500: PARMIGIANINO E CORREGGIO ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE
ROMA OSPITA L'ARTE DEL '500: PARMIGIANINO E CORREGGIO ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE
Le Scuderie del Quirinale ospiteranno la mostra "Correggio e Parmigianino. Arte a Parma nel Cinquecento", una straordinaria esposizione che sarà allestita dal 12 marzo al 26 giugno e che sarà curata da David Ekserdjian, rinomato storico d'arte ed esperto di cultura rinascimentale.

Ekserdjian ha selezionato le opere provenienti dai più importanti musei del mondo, ponendo a confronto i lavori dei due più importanti artisti e protagonisti del '500 in Italia: Antonio Allegri, detto "Il Correggio" (1489-1534), e Francesco Mazzola, detto "Il Parmigianino" (1503-1540). Grazie al formidabile talento di questi due artisti, la città di Parma divenne un centro artistico in grado di competere con le grandi capitali dell’arte italiana come Roma, Firenze e Venezia.

Correggio si recò a Parma solo alla fine degli anni '10 del Cinquecento, all'apice della sua carriera, e vi rimase per il resto della sua vita. Per esaminare tutto il suo percorso artistico, sono stati selezionati circa 20 dipinti che spaziano da soggetti religiosi a temi di carattere mitologico, che ebbero un’enorme influenza sugli artisti successivi, dai Carracci, a Watteau, fino a Picasso.

Quanto alle opere del Parmigianino, che fu molto attivo anche a Roma e a Bologna, oltre ai dipinti di carattere religioso e mitologico, l’accento sarà posto anche sui numerosi ritratti dell'artista. Il confronto tra i due pittori porterà a evidenziare la diversità del loro approccio alla pratica del disegno: quello sostanzialmente funzionale di Correggio e quello più ricco e vario del Parmigianino, artista mosso da un bisogno quasi ossessivo di disegnare.

La mostra include anche dipinti e disegni di altri 4 artisti meno celebri ma non meno talentuosi della cosiddetta Scuola di Parma – Michelangelo Anselmi, Francesco Maria Rondani, Girolamo Mazzola Bedoli e Giorgio Gandini del Grano – a dimostrazione del fatto che uno degli effetti più notevoli della presenza a Parma di Correggio e Parmigianino fu proprio l’emergere di una cerchia di allievi e discepoli.

 

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Venti forti sull'Italia
MALTEMPO

Venti forti e freddo artico: temperature in calo in Italia

Da sabato 20 gennaio netto peggioramento delle condizioni climatiche
Marco Cappato
MILANO

Il pm chiede l'assoluzione per Marco Cappato

L'esponente radicale nel febbraio 2017 portò Dj Fabo a morire in Svizzera
Calciatori
CALCIOMERCATO

Coloro che fecero i "grandi rifiuti"

Da Gigi Riva a Kakà, ecco i calciatori che come Verdi hanno detto "no" ad offerte allettanti
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
ANTICIPAZIONI

Mattarella mette in guardia dall'astensionismo

Intervista a Famiglia Cristiana per i 70 anni della Costituzione
Antonio Tajani
STRASBURGO

Tajani: "Moscovici non parla a nome dell'Ue"

Il presidente ha sottolineato che "le istituzioni europee non devono interferire"
L'indagine è stata condotta dai carabinieri di Pompei
POMPEI

Sgominata gang di borseggiatrici

Oltre 70 colpi in sei mesi: la banda composta quasi esclusivamente da donne