DOMENICA 09 AGOSTO 2015, 004:45, IN TERRIS

PARMA, A SETTEMBRE INIZIA LA RASSEGNA SULL’ ASTRATTISTA GIACOMO BALLA

Nel 1915 il pittore e Fortunato Depero sottoscrivono il manifesto “Ricostruzione Futurista dell’Universo”

STEFANO CICCHINI
PARMA, A SETTEMBRE INIZIA LA RASSEGNA SULL’ ASTRATTISTA GIACOMO BALLA
PARMA, A SETTEMBRE INIZIA LA RASSEGNA SULL’ ASTRATTISTA GIACOMO BALLA
“Giacomo Balla Astrattista Futurista”. E’ questo il titolo di un’importante mostra allestita dal 12 settembre all’8 dicembre a Parma presso la Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo. La rassegna esaminerà la produzione artistica del maestro torinese Giacomo Balla (1871-1958) dal primo periodo figurativo all’approdo verso il futurismo. Nel 1915 lo stesso pittore e Fortunato Depero sottoscrivono il manifesto “Ricostruzione Futurista dell’Universo”, uno dei testi teorici più rivoluzionari delle avanguardie del Novecento, che tenta di ridefinire ogni campo artistico secondo le sue teorie e di rifondare le forme stesse del mondo esterno fino a coinvolgere anche gli oggetti e gli ambienti della vita quotidiana.

La mostra, curata da Elena Gigli e Stefano Roffi, è articolata per temi, ripercorrendo i capisaldi del Manifesto. Si apre con la sezione “Astratto”, che parte dai pastelli realizzati a Villa Borghese – come “Fontana (che piange)” – e dagli studi dell’iride del 1912, per concludersi con la “Finestra di Dusseldorf”, ultimo documento pittorico del passaggio da pittura oggettiva ad astrattismo. Il tema “Dinamico” è rappresentato dal volo delle rondini, l’automobile che corre e la velocità astratta. La sezione “Trasparentissimo” mette in luce i cicli delle Stagioni e le Trasformazioni Forme e Spirito, mentre quelle “Coloratissimo e luminosissimo” il paesaggio artificiale con Linee forze di paesaggio + sera del 1917-18 – mai visto in una mostra prima d’ora – Feu d’artifice e i Fiori in 3D.

La rassegna continua con degli autoritratti, come ecce homo dell’artista e il vestito e il mobile futurista dalla caleidoscopica Casa Balla. In “Drammatico” si può osservare l’interventismo in guerra, con Dimostrazione interventista del 1915 recentemente riscoperto sul retro del dipinto Verginità del 1926. La sezione “Volatile” evidenzia la figura femminile: dal primo pastello con Elisa che cuce (1898) al Dubbio (1907-1908), dai ritratti femminili degli anni venti al celebre Noi 4 allo specchio (1945). Infine, “Scoppiante” si materializza nella linea della velocità nelle sculture: dal rossissimo Pugno di Boccioni al Complesso plastico.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018