DOMENICA 16 OTTOBRE 2016, 000:44, IN TERRIS

Pordenone ospita la mostra sugli esordi di Berengo Gardin

Gli scatti delle collezioni de La Gondola di Venezia e del Craf di Spilimbergo

REDAZIONE
Pordenone ospita la mostra sugli esordi di Berengo Gardin
Pordenone ospita la mostra sugli esordi di Berengo Gardin
E' stata aperta presso la chiesa di San Lorenzo a San Vito al Tagliamento, Pordenone, fino all'11 Dicembre 2016, una mostra omaggio a a Berengo Gardin. L'esposizione è stata allestita grazie alle collezioni de La Gondola di Venezia e del Craf di Spilimbergo.

Nel 1952 Gianni Berengo Gardin (nato a Santa Margherita Ligure nel 1930) ha iniziato ad occuparsi di fotografia partecipando alle attività del Circolo La Gondola di Venezia e nel 1955 del Gruppo Friulano per una Nuova Fotografia di Spilimbergo dove venne cooptato. Nel 1954 - si legge nel comunicato stampa - è andato a Parigi, qui ha conosciuto Doisneau, Willy Ronis, Masclet e nel 1955 ha iniziato l’attività di fotoreporter lavorando per Il Mondo di Pannunzio con il quale ha collaborato fino al 1965. Da allora collabora con le più importanti testate nazionali e internazionali come Domus, Epoca, Le Figaro, L'Espresso, Time, Stern e molte altre ancora. Nel 1957 ha realizzato moltissime immagini di Venezia destinate a diventare famose nel libro Venise des saisons che segnò una tappa decisiva nella sua evoluzione da fotoamatore a professionista.

Nel 1964 a Milano ha iniziato una collaborazione con il Touring Club Italiano, opportunità che gli ha permesso di girare tutta l’Italia costituendo allo stesso tempo un formidabile archivio di immagini di documentazione iconografica. Ha sempre avuto uno stile caratteristico, cui deve la sua fama internazionale: rigoroso bianco e nero, attenzione alla realtà circostante, al paesaggio architettonico o naturalistico, al contesto sociale. Nel 1989 una sua grande retrospettiva è stata inaugurata a Spilimbergo Fotografia e nel 1991 ospitata al Museo dell'Elysée a Losanna mentre nel 1994 alcune sue foto appaiono nella mostra dedicata all'Arte Italiana al Guggenheim Museum di New York. Ad Arles, durante gli Incontri Internazionali di Fotografia, ha ricevuto l'Oskar Barnack - Camera Group Award. Gianni Berengo Gardin ha pubblicato oltre 150 libri di fotografia. Dal 1990 è membro dell’Agenzia Contrasto.

Questa mostra, realizzata grazie alle collezioni de La Gondola di Venezia e del Craf di Spilimbergo, è un doveroso omaggio a Berengo Gardin che proprio tra Venezia e Spilimbergo ha iniziato la sua luminosa carriera di fotografo. E' allestita presso la chiesa di San Lorenzo a San Vito al Tagliamento, Pordenone, da oggi all'11 Dicembre 2016.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'appello di Gentiloni ai sindacati: "Pacchetto rilevante, sostenetelo"

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"