VENERDÌ 13 FEBBRAIO 2015, 001:01, IN TERRIS

Marocco: il Teatro Spagnolo di Tétouan rischia la chiusura dopo ottant'anni

A fine febbraio potrebbe sparire uno degli ultimi simboli del protettorato iberico, che tra flamenco e cinema ha fatto la storia della città

REDAZIONE
Marocco: il Teatro Spagnolo di Tétouan rischia la chiusura dopo ottant'anni
Marocco: il Teatro Spagnolo di Tétouan rischia la chiusura dopo ottant'anni
Per ottant'anni ha fatto la storia di Tétouan ma a fine febbraio, con tutta probabilità, ”El teatro español” sarà costretto a chiudere. L'istituzione aveva contribuito per decenni alla diffusione culturale nella città marocchina, ma soprattutto rimane uno degli ultimi simboli del protettorato iberico nella città.

Tétouan, centro arabo-berbero del Marocco sito sulle pendici del Gebel Dersa e fondato tra il 1305 e il 1307, era stato una roccaforte militare per le operazioni contro Ceuta e capitale del protettorato spagnolo successivamente. ”El teatro español” ospitava in particolare spettacoli di flamenco fino a quando negli anni Cinquanta si trasformò in un cinema, con una capienza di mille spettatori. Questa riconversione non ha garantito i risultati sperati a lungo termine e per evitare la chiusura, la famiglia Boudih, proprietaria dello stabile, ha ceduto parte della struttura per altre attività e ha abbassato drasticamente il prezzo dei biglietti.

Ma questa strategia nel tempo non ha invertito la tendenza negativa ed ora la chiusura è implacabilmente vicina. Nonostante le possibilità di evitare il peggio siano minime, in molti si sono mobilitati per evitare che Tétouan perda, con il teatro, anche un pezzo storico della sua tradizione culturale: è stata creata una pagina su Facebook ed avviata una raccolta di firme per una petizione popolare.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BULGARIA

Incendio in una fabbrica di munizioni: ci sono feriti

Un incidente simile si è verificato anche lo scorso 14 marzo: due dipendenti sono morti
L'ingresso del consolato saudita a Istanbul
GIALLO KHASHOGGI

Stop alle comunicazioni tra investigatori turchi e sauditi

La gestione delle interlocuzioni viene presa in carico direttamente da Ankara
GIORNATA MONDIALE DEL RIFIUTO DELLA MISERIA

Caritas: in Italia un esercito di poveri in attesa

Don Soddu: "Restituire dignità alle persone può migliorare il Paese"
Detenuti a Guantanamo
USA

Altri 25 anni di Guantanamo

Il Pentagono: "Il programma va avanti". Restano, però, i sospetti di tortura
Mimmo Lucano
IL CASO

Lucano ha lasciato Riace

Ieri il Tribunale del riesame ha disposto il divieto di dimora per il sindaco calabrese
Asino che raglia

Ragli e tagli

Dopo la Camera dei Deputati, via libera anche al Senato per il taglio dei cosiddetti vitalizi....