MERCOLEDÌ 01 APRILE 2015, 17:00, IN TERRIS

L’ULTIMO DONO DI ROBIN WILLIAMS: IN BENEFICENZA I DIRITTI D’IMMAGINE

L'attore scomparso lo scorso agosto ha lasciato un testamento solidale per aiutare chi ha più bisogno

CLAUDIA GENNARI
L’ULTIMO DONO DI ROBIN WILLIAMS: IN BENEFICENZA I DIRITTI D’IMMAGINE
L’ULTIMO DONO DI ROBIN WILLIAMS: IN BENEFICENZA I DIRITTI D’IMMAGINE
Non smette di stupire e farci sorridere Robin Williams, l’attore morto suicida lo scorso agosto. Infatti, dalle liti tra i familiari dell’uomo per la sua eredità, si è scoperto che l’attore ha deciso di destinare in beneficenza i propri diritti di immagine, considerandoli per la prima volta come un bene materiale insieme a proprietà immobili e patrimonio in denaro. Nel testamento della star di Hollywood viene stabilito un lascito solidale che vede beneficiaria una Fondazione creata ad hoc, che potrà disporre dell’uso dei diritti d’immagine per i prossimi 25 anni. Come riporta The Hollywood Reporter, la notizi è stata offuscata dal contenzioso che si è aperto tra gli eredi riguardo ai beni personali appartenuti all’attore.

La Fondazione si chiama Windfall Foundation, e nel lascito ci sono due clausole importanti: la prima è che l’immagine dell’attore è limitata fino al 2039. In secondo luogo, questa scelta impedisce fin da ora a un regista di inserire digitalmente un ologramma di Robin Williams in uno dei suoi film, per fare un esempio. La Windfall Foundation ha mandato di destinare le entrate dei diritti d’immagine a associazioni benefiche – da Medici senza Frontiere a Make-a-Wish – e non saranno gravate da tasse ulteriori.

Rossano Bartoli, portavoce del Network Testamento Solidale, ha commentato il fatto dicendo che è davvero una bellissima notizia che l’attore ha deciso di mettere a disposizione di chi ha più bisogno la propria notorietà, “dando un valore a un bene immateriale e legato al successo e all’affetto del pubblico, come la propria immagine”. Questa risorsa, nel tempo, potrà produrre aiuti concreti e spianare una nuova strada per la solidarietà. Bartoli continua affermando che questi casi eccezionali non ci devono però far dimenticare i gesti “che la grande maggioranza degli italiani compie donando con i propri testamenti somme contenute, ma fondamentali”. I lasciti solidali che arrivano silenziosamente dalle persone comuni danno forza al lavoro delle organizzazioni, impegnate nelle più importanti cause umanitarie, sociali e mediche.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano