VENERDÌ 24 LUGLIO 2015, 004:30, IN TERRIS

GUAI IN UCRAINA PER GERARD DEPARDIEU, IL MINISTRO DELLA CULTURA LO INSERISCE IN UNA LISTA NERA

L'attore ha ricevuto il passaporto russo dopo aver dichiarato di voler rinunciare alla cittadinanza francese in polemica con la politica fiscale del suo Paese

REDAZIONE
GUAI IN UCRAINA PER GERARD DEPARDIEU, IL MINISTRO DELLA CULTURA LO INSERISCE IN UNA LISTA NERA
GUAI IN UCRAINA PER GERARD DEPARDIEU, IL MINISTRO DELLA CULTURA LO INSERISCE IN UNA LISTA NERA
Guai in Ucraina per Gerard Depaerdieu. Infatti il ministero della Cultura del Paese avrebbe inserito il noto attore francese Gerard Depardieu in una "lista nera" di 500 artisti stranieri che avrebbero rilasciato dichiarazioni "a sostegno della violazione dell'integrità territoriale e della sovranità dell'Ucraina". Lo riportano alcuni media locali, secondo cui nell'elenco - compilato in un momento in cui Kiev e Mosca sono ai ferri corti per il conflitto nel sud-est ucraino - comparirebbero anche il compositore serbo Goran Bregovic e l'attore americano Steven Seagul.

Stando al ministro della Cultura ucraino Viaceslav Kirilenko - citato dall'agenzia Tass - l'elenco "è stato mandato ai servizi di sicurezza che indagheranno su eventuali minacce all'integrità territoriale", e "solo dopo potrebbero essere imposte delle sanzioni" contro gli stranieri il cui nome compare nella 'black list'.

Alla testata online Ukrainska Pravda, il ministro ha spiegato che la lista dei 500 artisti potenzialmente "indesiderati" è stata consegnata al suo dicastero due settimane fa dagli esponenti di alcune organizzazioni ucraine dopo una protesta davanti alla sede del ministero. In ogni caso, Kirilenko ha assicurato che - contrariamente a quanto scritto da alcuni media francesi - "non ci sono divieti alla proiezione dei film di Depardieu e non ce ne saranno neanche se saranno imposte delle sanzioni" contro l'attore.

Depardieu è un estimatore di Vladimir Putin e due anni e mezzo fa ha ricevuto il passaporto russo dopo aver annunciato di rinunciare alla cittadinanza francese in polemica con la politica fiscale del suo Paese d'origine. L'attore potrebbe essersi attirato le ire di Kiev l'anno scorso, quando in un festival del cinema in Lettonia ha infilato l'ennesima gaffe dichiarando: "Amo sia la Russia che l'Ucraina, che fa parte della Russia".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...