GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2017, 16:09, IN TERRIS

"Gli scartagonisti" nell'ultimo libro di don Maurizio Mirilli

Il volume, edito da San Paolo e con prefazione del cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, racchiude dieci storie suddivise in due sezioni

ROBERTA PUMPO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"Gli scartagonisti" nell'ultimo libro di don Maurizio Mirilli
Viviamo in una società dove "la cultura dello scarto respinge i più deboli" come ha più volte denunciato anche Papa Francesco. In questo contesto si inserisce “Gli scartagonisti. Scartati dagli uomini, protagonisti per Dio”, l’ultimo libro di don Maurizio Mirilli, parroco del Santissimo Sacramento a Tor de’ Schiavi, già direttore della Pastorale giovanile di Roma che lunedì 13 febbraio sarà presentato, tra l’altro, anche al Circolo dei lettori di Torino.

Il volume, edito da San Paolo e con prefazione del cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, racchiude dieci storie suddivise in due sezioni; nella prima si incontrano personaggi biblici come: Giuseppe, figlio di Giacobbe, venduto dai fratelli; Mosè, abbandonato nelle acque del Nilo; Davide, scartato dagli stessi familiari e divenuto poi re d’Israele; Maria e Giuseppe costretti a rifugiarsi in una grotta e, naturalmente, Gesù “lo scartato per eccellenza che l’uomo ha messo in croce ma ancora oggi protagonista della storia dell’umanità”.

Nella seconda parte sono raccontate storie di vita di Santi e di persone comuni conosciute da don Maurizio durante il suo ministero. Il lettore ha modo di conoscere San Filippo Smaldone, non ritenuto idoneo al ministero sacerdotale e divenuto apostolo dei non udenti; Ilaria, giovane donna morta a 34 anni, 25 dei quali segnati da una grave malattia “la cui camera si era trasformata da un luogo di dolore e di emarginazione ad un gioioso centro giovanile” come scrive l’autore. E ancora Andrea e Monica, scartati a causa della loro disabilità fisica e mentale, ma divenuti parte attiva del gruppo giovani nella loro parrocchia.

“Scartagonisti” è un neologismo inventato da don Maurizio per mettere in evidenza come “agli occhi di Dio diventano protagonisti proprio quegli uomini e quelle donne scartati dalla società”.

In chiusura il sacerdote, già autore di “365 motivi per non avere paura” (pubblicato in Brasile e tradotto in coreano) e “365 motivi per amare”, racconta spaccati della sua infanzia: la precoce morte del fratellino Maurizio, dal quale ha “ereditato” il nome, abbandonato da quegli stessi medici che ne avevano garantito l’assistenza e le cure, e le dolorose umiliazioni subite per un errore giudiziario. “Anche io da ragazzino mi sono sentito scartato – racconta – Quando avevo dieci anni mio padre fu arrestato e in quanto figlio di carcerato mi sono sentito ai margini della società. Ma il Signore mi ha preso per mano, attraverso la Chiesa mi ha fatto sentire tutta la sua tenerezza e salvezza e a distanza di tanti anni mi ha liberato dalla vergogna, che mi portavo dentro, di essere figlio di un carcerato. Mi auguro che la mia storia personale possa essere di aiuto a chi ha vissuto una esperienza simile e pensa erroneamente che la sua vita sia distrutta: nella logica di Dio possiamo tutti essere strumento di salvezza per tanti altri”.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia
TERREMOTO

Sisma magnitudo 3 nel Golfo di Salerno: la situazione

Tremano anche le Eolie e la Calabria: al momeno non risultano danni a persone o cose
PER USCIRE DALLA CRISI

La ripresa affidata alle start up innovative

In Italia sta funzionando la modalità di costituzione digitale e gratuita delle nuove imprese con pratiche rapide ed...
Etichetta alimenatre

"Spesso buono oltre": la data di scadenza contro lo spreco alimentare

Lidl introduce la nuova etichetta che accompagnerà "Da consumare preferibilmente entro"
Roseto degli Abruzzi
CORONAVIRUS

Primo caso positivo in Abruzzo: è un turista brianzolo

La conferma del contagio arriverà solo con gli esiti del secondo esame dello Spallanzani
Anziano in ospedale
GERMANIA

Chiesa cattolica ed evangelica contro gli aiuti al suicidio

La sentenza Corte costituzionale riapre la possibilità della pubblicità suicidale
Il luogo della sparatoria
WISCONSIN | USA

Sparatoria a Milwaukee, 6 morti tra cui l'aggressore

L'uomo ha ucciso 5 dipendenti e si è suicidato. Trump: "Assassino cattivo"
Bimbo in strada in Giappone
CORONAVIRUS

Cina, decessi minimi da gennaio: ieri 29 morti

In Corea del Sud quasi 1600 contagi. Il Giappone chiude le scuole
Il neonato ricoperto dal padre di banconote
CATANIA E SIRACUSA

Mafia: chiuse 3 piazze di spaccio, 6 arresti

I proventi dello spaccio servivano a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi
Smart working

Lo Smart working per debellare il coronavirus

Tra le grandi possibilità che l’era digitale offre, c’è anche la occasione di lavorare da...
Attilio Fontana
L'EPIDEMIA

Coronavirus, anche Fontana con la mascherina

Il presidente della Lombardia: "Contagiata una mia collaboratrice, rispetterò le disposizioni dell'Istituto...
EMERGENZA SANITARIA

Le buone notizie al tempo del coronavirus

Dai pazienti guariti alla Messa via streaming: così si supera la paura
Una famiglia riunita prima della cena nella propria casa a Philadelphia. A entrambi i bambini sono stati riscontrati alti livelli di piombo nel sangue - Foto © Hannah Yoon per The Guardian
STATI UNITI

Philadelphia e i bambini avvelenati nelle case

L'unica via possibile è il risanamento delle abitazioni. Ma il 90% della città è anteriore agli anni...
CORONAVIRUS

Il coronavirus in Emilia-Romagna. Liguria, isolato albergo

Quattro casi positivi ad Alassio, mentre a Roma guarisce la cittadina cinese ricoverata allo Spallanzani